Connect with us

CONTATTACI (redazione)

365mountainbike

Approfondimenti

Male alle mani in MTB: Ecco le cause e le soluzioni

Dolore alle mani? Spesso lo si può risolvere con degli accorgimenti, o almeno limitarlo. Andiamo a vedere alcune situazioni comuni di dolori alle mani in Mountain Bike.

5. Fox_Tahnee_Seagrave_TS57_Product_35MM_005 Low Res

I dolori alle mani in MTB è una problematica che si sente spesso: non solo su discese lunghe e tecniche, ma anche in single track corti o tratti relativamente facili. Può essere un fastidio o un vero e proprio dolore che rende difficoltoso tenere il manubrio.

Proviamo a vedere varie situazioni per provare a risolvere questo fastidioso problema. Ovviamente i nostri sono consigli su posture errate o scelta di componenti non idonei, in caso di patologie o problemi più gravi bisogna consultare il proprio medico per evitare gravi infiammazioni o altro.

Ecco, per ordine di importanza, le cause maggiori per il dolore alle mani in MTB.

FRENARE CON UN DITO

È finita l’epoca dei V-Brake e le frenata a 4 dita! Ora abbiamo degli impianti frenanti che, anche nei modelli base, sono performanti e permettono la frenata a un dito (indice). Naturalmente parlo di freni a disco idraulici. Stare con un dito sul freno (e non 2/3) permette di rilassare la mano e averla meno in tensione anche nei tratti di scorrimento. Un dito serve anche per usare il freno in maniera migliore riuscendo a fare frenate più modulate.

BRUNO-ZANCHI-MONT-STE-ANNE.-GRUNDIG-DOWNHILL-WORLD-CUP-1996
Anche Bruno Zanchi frenava con un dito a Mont Sainte Anne nel 1996: perché noi dobbiamo usarne 2 con freni a disco da 220mm? – credits: Malcolm Fearon

Quindi abbandona il brutto vizio di frenare a più dite! La frase “ma ho sempre frenato così” non vale. Spesso la frenata a 2 dita è per colpa di una errata distanza ‘leva-manopola’: una leva troppo vicina fa si che con il dito indice non vada a premere all’estremità della leva, non facendo leva e quindi aiutandomi con un secondo dito (maggiori informazioni nei link di approfondimento qui sotto).

Un consiglio è di evitare frenate prolungate ma meglio lasciar prendere velocità alla bici (rilasciando i freni) per poi frenare in modo più deciso. Le mani, e il surriscaldamento dei freni, ringrazieranno.

LINK DI APPROFONDIMENTO

Ti consiglio di vedere il nostro video ironico ma professionale dedicato ai 10 ERRORI DA NON FARE IN MTB e COME POSIZIONALE LE LEVE FRENO IN MTB

PRESSIONE DEGLI PNEUMATICI

Avere una pressione idea limite tutti gli urti ad alte frequenze che sono una delle principali cause dei dolori alle mani in MTB.

Cosa è l’unico componente che mette in contatto la bici con il terreno? Si, sono i copertoni, perché le sospensioni arrivano poi a fare da filtro. Sta a significare che è importantissimo avere una pressione idonea per avere un’ulteriore “sospensione” che lavora per noi: una sospensione che non si tramuta in rimbalzo ma in assorbimento degli ostacoli.

ronja blochlinger val di sole 2023
L’obiettivo degli atleti professionisti é abbassare le pressioni senza il rischio di rotture: ecco il perché dell’arrivo degli inserti (Credits: Michele Mondini)

Ad alcuni atleti non piace avere pressioni troppo basse perché, specie in caso di coperture più leggere da cross country, tendono a spanciare e a non avere precisione in caso di guida aggressiva su terreni compatti. Ecco allora che sono arrivati gli inserti (o salsicciotti), molto usati in ambito agonistico visto che danno innegabili vantaggi ad atleti tecnici e avanzati (approfondisci: A cosa servono gli inserti per MTB?).

Noi consigliamo di lavorare sempre con coperture non troppo leggere, sacrificando un po’ il peso in cambio di un feeling di guida ottimale.

LINK DI APPROFONDIMENTO

Ti consiglio di guardare questo articolo per approfondire l’argomento: LA PRESSIONE CORRETTA NELLE GOMME MTB

STATO DI SALUTE DELLA FORCELLA

L’altro filtro tra noi e il terreno sono le sospensioni: forcella e/o ammortizzatore nel caso di full-suspension. Un aspetto che sicuramente può inficiare sul dolore alle mani in mountain-bike è lo stato di salute, e relative regolazioni, della nostra forcella.

Dividiamo tale argomento in 3 sottosezioni: manutenzione, pressione e regolazione.

MANUTENZIONE

Le sospensioni devono essere revisionate: la maggior parte dei biker non cura questo aspetto ed è un peccato. Una sospensione revisionata è equivalente ad averne acquistata una nuova. Dico questo perché capita che, quando si sente lavorare male la sospensione, si pensa a cambiarla con l’ultimo modello. Spesso è una spesa inutile, almeno che non si fa solo per risultare più figo con gli amici.

3.- Flo Espiñeira_Orbea Fox Enduro Team 2022
Una Fox 38 non revisionata da 2 anni lavora peggio di una Fox 36 revisionata. In questo caso si spera che Fox Espineira l’abbia revisionata 🙂

SERVICE FOX

Ecco cosa consiglia Fox, a livello di Service, sulle sue sospensioni. Consigliamo di rivolgersi sempre a centri autorizzati.

service fox

REGOLAZIONE DELLE SOSPENSIONI

Intervenire sulla forcella è uno dei consigli principali per quando si ha dolore alle mani: pressione e regolazione.

Qui si apre un paragrafo che potrebbe durare in eterno: la regolazione delle sospensioni! Gli atleti professionisti del downhill si affidano alle telemetrie per settarle al meglio ma, il nostro obiettivo, non è ricercare la miglior performance al centesimo ma avere un assetto confortevole e funzionale senza commettere errori grossolani in fase di regolazione.

BYB Telemetry_Cover
BYB Telemetry: sistema di telemetria italiano da applicare a fianco dello stelo

L’errore più comune è quello di diminuire troppo la pressione della forcella pensando di trovare maggiore comfort ma in realtà si arriva all’effetto contrario: togliere troppa pressione fa sì che la forcella lavori nell’ultima metà della corsa andando spesso in fondo corsa, risultando così dura e poco sensibile. Tale situazione non è un bene nemmeno per le quote geometriche della bici.

Altro errore è regolare il ritorno della bici troppo veloce per il proprio stile di guida: questo rende la bici molto nervosa e poco confortevole.

LINK DI APPROFONDIMENTO

TI consiglio questo articolo: COME REGOLARE LE SOSPENSIONI IN MTB

POSIZIONE COMANDO FRENI

Il posizionamento o, per meglio dire, l’inclinazione verticale del freno può portare a posture errate e, indirettamente, al dolore alle mani. L’obiettivo è riuscire a frenare, in posizione di fuori sella, senza avere rotazioni del polso. Inclinandole in modo corretto, eviterai di doverle andare letteralmente a cercare nel momento del bisogno.

LINK DI APROFONDIMENTO

Ti suggerisco questo articolo: COME POSIZIONALE LE LEVE FRENO IN MTB

POSIZIONE DEL MANUBRIO

Un manubrio troppo basso farà caricare di più l’anteriore e, indirettamente, le mani sulle manopole. Alzare un po’ la posizione del manubrio, tramite gli appositi spessori, porta a ridurre il carico sull’anteriore e quindi sulle mani.

knock block
Si possono notare gli spessori sotto l’attacco manubrio: se spostati al di sopra o al di sotto dell’attacco manubrio, variano l’altezza dello stesso.

LINK DI APPROFONDIMENTO

Andare da un biomeccanico: L’IMPORTANZA DI UN BIOMECCANICOQUANTO VA ALTO IL MANUBRIO DA MTB?

STILE DI GUIDA

Dove mettere le ruote è importante… e anche come si guida! Essere sciolti alla guida e scegliere le linee più flow ci porta più sicurezza e meno rigidità. Il consiglio quindi è frequentare un corso di guida che, oltre a vedere tutti gli aspetti tecnici di cui abbiamo parlato, porta anche una tecnica maggiore nella postura e nell’approcciare eventuali tratti tecnici, specialmente a livello mentale.

corsi-mtb-365school
Non sottovalutare i corsi di MTB: sono fondamentali

L’aspetto mentale è molto importante perché consente di guidare meno in tensione e più sciolto: spesso è appunto la tensione a portare rigidità nel nostro corpo e quindi dolori indiretti derivanti dal fatto che stiamo prendendo “nei denti” tutte le asperità che arrivano dal terreno.

LINK DI APPROFONDIMENTO

Abbiamo analizzato vari aspetti legati alla tecnica di guida in MTB con tono ironico ma professionale: CORSI VIDEO MOUNTAIN BIKE



Scritto da

[email protected] Sono un appassionato di tutto ciò che ha 2 ruote: in età giovanile ho praticato agonisticamente il ciclismo su strada e su pista (campione Italiano Allievi). All'età di 18 anni sono passato nel cross country gareggiando a livello nazionale/internazionale come Under23. Passato Elite, ho fatto la scelta di prendere le cose più alla leggera dal punto di vista dell'allenamento, ed ecco che è nato l'amore per le discipline gravity, formandomi come maestro e guida FCI MTB. Ora ho fatto della passione la mia professione gestendo 2 centri MTB all'isola d'Elba (Bike Center Elba ed Elba MTB), creando il FANTAmtb e raccontando in modo ironico, ma professionale, tutto quello che ruota attorno alla MTB grazie a 365mountainbike e 365TV (YouTube 'PULITI dentro BIKER fuori').

ARTICOLI CORRELATI

Dakotah Norton: Guarda il RISE enorme da 75mm in Coppa del Mondo

Approfondimenti

frenata bici frenata bici

Come regolare la sella in MTB? Punta verso l’alto o verso il basso?

Approfondimenti

Cockpit_MY21-JeffsyMK2-29-UNCGD8 Cockpit_MY21-JeffsyMK2-29-UNCGD8

Altezza manubrio MTB: quale la misura corretta?

Approfondimenti

Advertisement

NORMATIVA DEONTOLOGICA - NORMATIVA FACT CHECKING - CORREZIONI
365mountainbike è una testata giornalistica registrata al tribunale civile e penale di Verona in data 10/01/2012
Copyright © 2019 | 365 sport srl (04835100233)
via Brenta, 7 - 37057 San Giovanni Lupatoto (VR)

© 365 sport srl Tutti i diritti riservati. Gli articoli contenuti nel sito non possono essere copiati o riprodotti con altri mezzi senza una licenza concessa dell'autore. La riproduzione pubblica di un contenuto del sito, in tutto o in parte, con qualsiasi mezzo, senza l'espressa autorizzazione scritta dall'autore, è vietata.

Connect