Connect with us

CONTATTACI (redazione)

365mountainbike

Test

Test FOX Float X2 Factory: Leader tra gli ammortizzatori ad Aria

Uno degli ammortizzatori più usati dai professionisti di enduro e non solo: ecco le nostre impressioni.

Test Fox Float X2 (3)

MisuraPesoFinituraPrezzo
205x65mm659grKashima988€
SITO UFFICIALE FOX

L’ammortizzatore posteriore Fox Float X2 Factory è il prodotto Fox top di gamma ad aria. Ad affiancarlo, c’è poi il modello DHX2 a molla. Il modello in test è dotato della leva 2Pos-Adjust che permette di aprire e chiudere l’ammortizzatore, ottimo in ottica Enduro. Abbiamo testato la versione 205×65 con attacco metrico Trunnion.

davide finetto abus leatt 365mountainbike (10)
Abbiamo testato tale ammortizzatore sia sulla Jekyll di vecchia generazione che nuova

CARATTERISTICHE

MISURE (2-position Adjust Lever)
Imperial Sizes7.875 x 2.0 / 8.5 x 2.5
Metric Sizes (NEW 2021 model)210 x 50 / 210 x 52.5 / 210 x 55 / 230 x 57.5 / 230 x 60 / 230 x 62.5 / 230 x 65
REGOLAZIONI
2-position Open/Firm lever
High-speed compression – 8 clicks
Low-speed compression – 16 clicks
High-speed rebound (w/VVC) – 8 clicks
Low-speed rebound – 16 clicks

L’ammortizzatore ha regolazione alle alte e basse velocità sia in compressione che in ritorno: le alte velocità hanno 8 click mentre le basse 16 click. Questo vale sia per il ritorno che per la compressione.
Il suo corpo è stato ridisegnato con una nuova molla pneumatica che, secondo Fox, necessita di meno distanziatori del riduttore di volume per ottenere la stessa progressività del modello precedente.

La rigidità strutturale del corpo dell’ammortizzatore è stata migliorata grazie alle alette interne, ma anche per ridurre l’isteresi (dove le valvole dell’ammortizzatore si aprono più lentamente del flusso dell’olio che le fa aprire, con conseguente flessione della valvola). Ha un nuovo “paraurti” progressivo che rallenta la velocità di compressione man mano che l’ammortizzatore si avvicina al fondo.

TEST SUL CAMPO

Ho testato l’ammortizzatore posteriore Float X2 Factory sulla Cannondale Jekyll 1 (c’è stato modo in passato di usarlo anche sulla Jekyll vecchia generazione). Tale Jekyll 1 utilizza un design a perno alto che rende l’intera struttura molto sensibile ma progressiva. Da segnalare che su tale bici l’accesso alle alte velocità è rognoso (come su altri telai): per averne accesso, bisogna smontare la plastica inferiore.

davide finetto enduro (3)
Credit Matteo Corsi – @pejocorsi

Ho usato l’assetto di default con un distanziatore del riduttore di volume. Sicuramente non è facile fare un test di un ammortizzatore e isolarlo dal funzionamento della bici in sé: ogni schema ammortizzante ha storia a se e potrebbe esaltare un ammortizzatore o tarpargli le ali. Magari non sempre è colpa dell’ammortizzatore ma dello schema ammortizzante.

Dopo aver girato per mesi con questo ammortizzatore posso solo dire che ha talmente tante regolazioni da poter trovare, piano piano, la propria configurazione ideale. Sempre se si è dotati di sensibilità.

Grazie all’aiuto di Enrico Rodella (BYB Telemetry) ho potuto avere delle info per regolare al meglio l’ammortizzatore perché ammetto che anche io, dopo un tot di prove, ho cominciato a non capire più cosa mi dava più vantaggio e cosa meno. Questo è il vantaggio/svantaggio di avere tante regolazioni in un ammo: se sei un biker che gira una volta a settimana, il rischio di trovarsi a smanettare con i registri, senza un vero e proprio senso, è tangibile.

Test Fox Float X2 (3)

Con Enrico di BYB abbiamo capito che, aprire tutti i registri, non è la soluzione: ok, si sente in un primo momento la bici più soft (grazie al c***o direbbe un mio amico) ma le idrauliche lavorano poco. Che senso ha comprare un ammortizzatore da 1000€ se poi apriamo tutto? Se invece chiudiamo un po’ i registri permettiamo all’idraulica di lavorare.

byb telemetry
Enrico Rodella e Mirco Montagni con il sistema BYB Telemetry

Ho visto tanti tester aprire tutti i registri e mettere più token: secondo me la strada miglior non è questa ma è quella di abbassare un po’ la pressione dell’aria, chiudere un pelo i registri e non esagerare con i token in modo da far lavorare meglio la sospensione. Questo modus operandi lo sto avendo con le sospensioni moderne che stanno raggiungendo livelli diversi dalle sospensioni di annate fa.

Test Fox Float X2 (3)

La gamma delle regolazioni funziona bene e si sentono differenze percettibili cambiando vari click sui registri, sia sul ritorno che nella compressione. Questo fermo restando se sei un biker sensibile o abituato a tali regolazioni. Da segnalare la posizione rognosissima del ritorno alle alte velocità: su alcuni telai, come il Jekyll, è di difficile raggiungimento.

floatx2-factory-standard-2-1043871

La resistenza al fondo corsa è ottima: sicuramente merito anche della bici ma non abbiamo mai avuto problemi di fondo corsa o, se sono arrivati, non ce ne siamo accorti. La progressività dell’ammortizzatore è talmente ben gestita che i fondo corsa hanno un senso di ovattato.

Il blocco 2Pos-Adjust si è rivelato efficace nell’arrestare i movimenti indesiderati delle sospensioni indotti dalla pedalata: non è un blocco totale ma utile per collegamenti asfaltati o strade forestali.

davide finetto enduro (3)
Credit Matteo Corsi – @pejocorsi

Tale prodotto nasce ben sostenuto: ma può essere un vantaggio come uno svantaggio. Se sei un biker pesante, o che gira forte, apprezzerai il fatto che l’ammortizzatore è ben sostenuto e performante. Se invece sei un biker leggero, o non troppo “scavezzacollo”, potresti trovarti a girare con tutti i registri aperti perché è eccessivamente smorzato.

Segni particolari REGOLAZIONI
Come molte sospensioni top di gamma, troviamo regolazioni alle alte e basse velocità sia compressioni che ritorno, oltre che un blocco aperto/chiuso.
+ Fantastico in tutta la sua corsa
Regolazioni infinite e ben distinguibili
Se giri forte, non hai bisogno di tanti cambiamenti nascendo già racing come approccio
Le tante regolazioni mettono in crisi gli utenti non esperti
La curva di compressione base è troppo sostenuta per persone leggere o che “non girano grosso”
È difficile accedere al ritorno (alte velocità) su alcuni telai

QUANTO COSTANO IL FOX FLOAT X2 FACTORY?

Esistono varie misure del Float X2: il modello Kashima (Factory) varia dai 945€ ai 988€ (in test).

IL VERDETTO

Un prodotto di altissima gamma per biker esigenti

L’ammortizzatore Fox Float X2 Factory è senza dubbio uno dei migliori aggiornamenti per migliorare le tue prestazioni. Ma questo solo se sei un biker che sai di cosa hai bisogno: le tante regolazioni sono utili se sei un biker sensibile altrimenti il rischio di smanettare, senza trovarci, un senso è reale. Se sei un biker non evoluto, o leggero, potresti non trovare tutti i vantaggi offerti da questa piattaforma.

MAGGIORI INFORMAZIONI AL SITO UFFICIALE



Scritto da

[email protected] Sono un appassionato di tutto ciò che ha 2 ruote: in età giovanile ho praticato agonisticamente il ciclismo su strada e su pista (campione Italiano Allievi). All'età di 18 anni sono passato nel cross country gareggiando a livello nazionale/internazionale come Under23. Passato Elite, ho fatto la scelta di prendere le cose più alla leggera dal punto di vista dell'allenamento, ed ecco che è nato l'amore per le discipline gravity, formandomi come maestro e guida FCI MTB. Ora ho fatto della passione la mia professione gestendo 2 centri MTB all'isola d'Elba (Bike Center Elba ed Elba MTB), creando il FANTAmtb e raccontando in modo ironico, ma professionale, tutto quello che ruota attorno alla MTB grazie a 365mountainbike e 365TV (YouTube 'PULITI dentro BIKER fuori').

ARTICOLI CORRELATI

andreani group andreani group

Andreani Group nuovo partner tecnico di SCOTT Racing Team

News

20240208-RXT RACING_ND TUNED_POST 20240208-RXT RACING_ND TUNED_POST

RXT Racing diventa distributore ufficiale ND Tuned

News

Era-V2 Era-V2

EXT Era v2.1: Test nuova Forcella ad aria del marchio Italiano

Test

Advertisement

NORMATIVA DEONTOLOGICA - NORMATIVA FACT CHECKING - CORREZIONI
365mountainbike è una testata giornalistica registrata al tribunale civile e penale di Verona in data 10/01/2012
Copyright © 2019 | 365 sport srl (04835100233)
via Brenta, 7 - 37057 San Giovanni Lupatoto (VR)

© 365 sport srl Tutti i diritti riservati. Gli articoli contenuti nel sito non possono essere copiati o riprodotti con altri mezzi senza una licenza concessa dell'autore. La riproduzione pubblica di un contenuto del sito, in tutto o in parte, con qualsiasi mezzo, senza l'espressa autorizzazione scritta dall'autore, è vietata.

Connect