Connect with us

CONTATTACI (redazione)

365mountainbike

Approfondimenti

LUBRIFICANTE – Quale il miglior olio da usare sulla Catena della propria Bici?

Cera? Olio? Spray? Goccia? Cosa scegliere per ingrassare o lubrificare la catena della tua bicicletta.

catena-bici-arrugginita-1280x720
È da un po' che questa catena non viene oliata

Lubrificare la catena: operazione di manutenzione base da non dimenticare. Dovresti farlo frequentemente in modo da preservare catena, pacco pignoni e corone: ma la fortuna è che, se non ingrassi la catena, il rumore che essa genererà ti farà capire che qualcosa non va. Ma quale olio usare? Andiamo a vedere le varie topologie.

OLIO CERAMICO (CERA)

Olio cera

Il lubrificante in cera, (anche lubrificante secco), è composto principalmente da acqua e particelle di ceramica. Facilmente identificabile dal colore bianco. Quando la si applica alla catena, la base d’acqua evapora mentre la parte in ceramica si attacca alle diverse parti della catena: queste particelle formano una pellicola protettiva invisibile che respinge la polvere e riduce l’attrito.

Vantaggi della cera

Utilizzando una base ad acqua, la cera è biodegradabile e quindi ecologica. Lascia la catena più pulita: essendo una grande protezione contro la polvere o lo sporco, la catena accumulerà meno sporco una volta finito il percorso e la pulizia sarà molto più facile rispetto a quella con l’olio. Penetra meglio negli snodi avendo una bassa densità.

Svantaggi della cera

Bassa resistenza all’acqua: la minor densità la rende più attaccabile dall’acqua/umidità. Minor durata: almeno ogni 2 giri in bici, la catena va lubrificata. Se lavi la bici la maggior parte della cera sparisce (mai mettere la cera prima di un lavaggio).

BATTICATENA – Cura nel batticatena con una struttura generosa molto protettiva e silenziosa

LE 5 MANUTENZIONE CHE DEVI SAPER FARE SULLA TUA BICI


OLIO CLASSICO

Lo troviamo disponibile sul mercato in due versioni: per asciutto e per bagnato. Il primo (asciutto) ha meno olio ed è mescolato con Teflon, rendendolo meno denso e più trasparente. Il secondo (bagnato) ha una maggiore concentrazione di olio, è più viscoso ed è di colore blu o verde.

Differenze? Facile da capire. La versione asciutta trattiene meno polvere e sporcizia rispetto alla versione ad olio umido. La maggiore densità della versione bagnato, permette una migliore protezione della catena dall’acqua (ricordi lo svantaggio degli olii ceramici?).

Vantaggi dell’olio

Lunga durata: a differenza della cera, l’olio aderisce alla catena molto più a lungo. Resistente all’acqua: entrambi gli oli respingono molto bene l’acqua, specialmente l’olio umido. Previene la ruggine degli ingranaggi della catena nel tempo e rimane anche dopo aver lavato la bici.

Svantaggi dell’olio

Trattiene più polvere o fango: a causa della sua maggiore densità e viscosità, la polvere e il fango si attaccano più facilmente alla catena, e quindi la rende più sporca. Su percorsi con strade o sentieri polverosi, rischiamo di avere l’effetto contrario causando una maggiore usura sia della catena che degli ingranaggi e dei pignoni.

Qual è il miglior lubrificante per la catena?

Se hai letto bene l’articolo, avrai capito qual è il miglior olio catena per te. La tua scelta dipenderà dalla stagione (inverno chiama un olio più denso mentre l’estate può richiamare un olio meno denso), da quanto spesso usi la tua bici (se esci ogni giorno potrai trovare giovamento dall’olio classico che ha una durata più lunga) mentre se usi poco la bici potresti preferire quello ceramico, visto che sporca meno la catena e lo puoi quindi usare solo in prossimità dell’uscita.

Dimenticavo: in commercio si trovano olii in versione spray o a goccia: io mi sento di consigliare spassionatamente quelli a goccia, visto il minor rischio di disperderlo nell’ambiente e di andare a contaminare dischi o pastiglie (in caso di freni a disco).



Scritto da

[email protected] Sono un appassionato di tutto ciò che ha 2 ruote: in età giovanile ho praticato agonisticamente il ciclismo su strada e su pista (campione Italiano Allievi). All'età di 18 anni sono passato nel cross country gareggiando a livello nazionale/internazionale come Under23. Passato Elite, ho fatto la scelta di prendere le cose più alla leggera dal punto di vista dell'allenamento, ed ecco che è nato l'amore per le discipline gravity, formandomi come maestro e guida FCI MTB. Ora ho fatto della passione la mia professione gestendo 2 centri MTB all'isola d'Elba (Bike Center Elba ed Elba MTB), creando il FANTAmtb e raccontando in modo ironico, ma professionale, tutto quello che ruota attorno alla MTB grazie a 365mountainbike e 365TV (YouTube 'PULITI dentro BIKER fuori').

ARTICOLI CORRELATI

Dakotah Norton: Guarda il RISE enorme da 75mm in Coppa del Mondo

Approfondimenti

shimano saint shimano saint

Freni a Disco MTB: Meglio 2 pistoni o 4 pistoncini?

Approfondimenti

FRENI MTB: Posso tenere la bici in verticale in Garage?

Approfondimenti

Advertisement

NORMATIVA DEONTOLOGICA - NORMATIVA FACT CHECKING - CORREZIONI
365mountainbike è una testata giornalistica registrata al tribunale civile e penale di Verona in data 10/01/2012
Copyright © 2019 | 365 sport srl (04835100233)
via Brenta, 7 - 37057 San Giovanni Lupatoto (VR)

© 365 sport srl Tutti i diritti riservati. Gli articoli contenuti nel sito non possono essere copiati o riprodotti con altri mezzi senza una licenza concessa dell'autore. La riproduzione pubblica di un contenuto del sito, in tutto o in parte, con qualsiasi mezzo, senza l'espressa autorizzazione scritta dall'autore, è vietata.

Connect