Connect with us

CONTATTACI (redazione)

365mountainbike

Test

TEST – Provati i Dischi HighTech BCA Performance YOD4 203mm

Abbiamo testato i dischi freni dell’azienda italiana BCA Performance. Tutta questa qualità si riflette anche nelle performance? Spazio al test.

Disco MTB BCA Yod4 (2)

DimensionePesoSpessorePrezzo
203mm194gr2,15mm99€
SITO UFFICIALE BCA

High Tech BCA Performance è un marchio italiano (Lecco), che si sta facendo notare grazie alla sua qualità costruttiva. BCA è specializzata nella produzione di impianti frenanti per bici e moto top di gamma, utilizzando le tecnologie più avanzate e materiali di alta qualità, e lavora da molto tempo come progettista e terzista nel settore motociclistico.

logo-bca

La scelta di proporre una linea con il proprio nome è venuta non molti anni fa, visto che prima produce prodotto per terzi. Nel catalogo bici BCA, troviamo sia dischi freno che tutto l’impianto frenante (pinza+pompa), consigliati a partire dal mondo gravel sino all’ebike enduro (naturalmente proposti in varie dimensioni e spessori).

VERSIONI

Il disco Yod4 (unico in catalogo) viene proposto sia in Center Lock che 6 fori a partire dalla dimensioni di 140mm fino ad arrivare ai 240mm. A queste versioni se ne aggiungono due dallo spessore maggiorato della pista frenante nello specifico per il diametro da 203mm con una opzione da 2.5mm e un’opzione da 3mm. 

In test abbiamo usato il modello più equilibrato per l’enduro, vale a dire il 203mm con spessore da 2.1mm, formato da due pezzi non flottanti. L’insieme è più leggero del monoblocco.

La struttura del disco, tranne la pista frenante, è ricavata dal pieno da una lastra di lega di alluminio 6082 Anticorodal 100. Il mozzo in lega di alluminio garantisce una maggiore rigidità, la pista frenante è realizzata in acciaio AISI 420. Il particolare profilo garantisce un maggiore grip della pastiglia e minori sollecitazioni a flessioni laterali nelle temperature di esercizio.

Disco BCA Yod4 Enduro

CARATTERISTICHE

L’estetica è veramente cool: ok, spesso sono il primo a dire meno apparenza e più sostanza, ma questi dischi colpiscono l’occhio e non poco. Sicuramente è una colorazione che o si ama o si odia, visto che è l’unica disponibile. E alle volte è un po’ azzardata con certe tonalità di bici: però questo è un aspetto che sicuramente rende ben distinguibili, ed identificabili, i BCA da qualsiasi altro marchio. Tale colore è il risultato di una complessa procedura di anodizzazione.

Disco MTB BCA Yod4 (2)

La superficie frenante è molto segmentata/ondulata, con tante lavorazioni che servono per offrire maggiore rigidezza e dare la possibilità al disco di raffreddarsi più velocemente. La colorazione nera nelle sezioni di transizione, applicata per cataforesi, è un trattamento speciale in grado di resistere alle alte temperature. Le varie scanalature hanno anche la funzione di ravvivare la superficie del ferodo delle pastiglie.

Il peso della versione con diametro da 203mm che ho testato è di 194 grammi, peso leggermente superiore alla media ma, considerando anche lo spessore del disco, ampiamente nel range e approvato.

Disco MTB BCA Yod4 (2)

PROVA SUL CAMPO

Ho messo alla prova i dischi YOD4 di BCA Performance per un’intera annata: molte anche le gare visto che ho preso parte a tutto il circuito Maxi Avalanche con il compare Mirco Montagni e vari special Guest come Andrea Righettini a Pra-Loup o Michele Ferro a Cervinia. Quindi direi che sono stati messi a dura prova. Li ho usati in un primo periodo su impianto SRAM Code e poi su impianto SHIMANO Saint.

Davide Finetto
Durante la MAXI Avalanche di Pra Loup: qui il colore bronzo dei BCA ben si integrava 🙂

Il miglioramento delle prestazioni è stato più percettibile su SRAM rispetto a Shimano, donando grinta alla frenata “spugnosa” del marchio Americano. Ma c’è da dire che, sull’impianto SRAM Code, erano montati i dischi primo montaggio SRAM: e con i BCA YOD4 è stato un bel cambiamento in positivo visto che i dischi di SRAM hanno tutta un’altra qualità rispetto a questi BCA (anche il prezzo è nettamente inferiore).

Il miglior pregio di questo prodotto, secondo la mia opinione, è la resistenza al riscaldamento: nessun problema di surriscaldamento durante le gare di Maxiavalanche, è questo è un test molto probante! La risposta è sempre costante per tutto l’arco della discesa e il disco non soffre shock termici e mantiene le stesse performance, e caratteristiche, da inizio a fine discesa.

davide finetto enduro (3)
E Ben Sa Ghe Enduro 2023, gara di Enduro a Verona | Credits Matteo Corsi – @pejocorsi

Le pastiglie durano qualcosa meno per il discorso dei dischi tanto lavorati: difficile aumentare le performance in frenata allungando anche la durata delle pastiglie. Però, il vantaggio, è che il consumo è regolare e consente di sfruttare fino all’ultimo mm della pastiglia.

Veramente valida anche la resistenza dei dischi che restano dritti e non abbiamo avuto bisogno di intervenire spesso per raddrizzarli. Da segnalare che non abbiamo mai avuto problemi di rumori molesti in frenata o in altre situazione: disco silenzioso a parte un ticchettio metallico quando i dischi sono caldi e devono raffreddarsi.

In merito all’usura posso dire che le piste frenanti sono ancora in condizioni eccellenti: misurate da calibro (dopo svariati mesi di utilizzo incluse gare) mantengono ancora pressoché il valore originale di 2.1mm.

L’avere più spessore di disco porta ad avere meno margine in caso di deformazione, quindi può capitare di dover centrarlo un po’ più spesso del dovuto per evitare, su certi modelli di pinze, di sfiorare la parte metallica. Ma non è stato un problema che ci ha portato grossi disagi (gli abbiamo testati su di un impianto Shimano SAINT), anche perché la resistenza dei BCA è ottima e non si piegano facilmente.

Segni particolari SPIDER
Lo spider in Ergal, con una anodizzazione particolare, le dona una finitura molto ricercata
+ Silenziosità
Resistenza al calore
Il prezzo riflette l’esclusività del prodotto

QUANTO COSTANO I DISCHI BCA YOD4?

  • YOD4 160mm: €94,50 (1)
  • YOD4 180mm: €99,00 (1)
  • YOD4 203mm: €99,00 (1)

IL VERDETTO

Un disco ai vertici della categoria

Un disco di qualità per chi vuole migliorare il proprio impianto frenante. I dischi migliorano il tutto ma non possono fare miracoli: se la base di partenza è pessima, il disco non può cambiare completamente le sensazioni. Ma se abbinato a un impianto frenante buono con dischi discutibili (penso ai tanti dischi SRAM primo montaggio che vedo sulle bici di serie) può cambiare in positivo le tue sensazioni di guida. Il prezzo è tra i più alti della categoria ma la qualità, e la ricerca dei materiali, si paga.

MAGGIORI INFORMAZIONI AL SITO UFFICIALE



Scritto da

[email protected] Sono un appassionato di tutto ciò che ha 2 ruote: in età giovanile ho praticato agonisticamente il ciclismo su strada e su pista (campione Italiano Allievi). All'età di 18 anni sono passato nel cross country gareggiando a livello nazionale/internazionale come Under23. Passato Elite, ho fatto la scelta di prendere le cose più alla leggera dal punto di vista dell'allenamento, ed ecco che è nato l'amore per le discipline gravity, formandomi come maestro e guida FCI MTB. Ora ho fatto della passione la mia professione gestendo 2 centri MTB all'isola d'Elba (Bike Center Elba ed Elba MTB), creando il FANTAmtb e raccontando in modo ironico, ma professionale, tutto quello che ruota attorno alla MTB grazie a 365mountainbike e 365TV (YouTube 'PULITI dentro BIKER fuori').

ARTICOLI CORRELATI

BCA Hight tech Performance andrea brioschi BCA Hight tech Performance andrea brioschi

[VIDEO] High Tech BCA Performance: chiacchierata con Andrea Brioschi

Puliti Dentro Biker Fuori

shimano saint shimano saint

Freni a Disco MTB: Meglio 2 pistoni o 4 pistoncini?

Approfondimenti

FRENI MTB: Posso tenere la bici in verticale in Garage?

Approfondimenti

Advertisement

NORMATIVA DEONTOLOGICA - NORMATIVA FACT CHECKING - CORREZIONI
365mountainbike è una testata giornalistica registrata al tribunale civile e penale di Verona in data 10/01/2012
Copyright © 2019 | 365 sport srl (04835100233)
via Brenta, 7 - 37057 San Giovanni Lupatoto (VR)

© 365 sport srl Tutti i diritti riservati. Gli articoli contenuti nel sito non possono essere copiati o riprodotti con altri mezzi senza una licenza concessa dell'autore. La riproduzione pubblica di un contenuto del sito, in tutto o in parte, con qualsiasi mezzo, senza l'espressa autorizzazione scritta dall'autore, è vietata.

Connect