Connect with us

La nostra redazione

365mountainbike
ItalianEnglish

News

Transalp MTB 2022: Finita la 24^ edizione, ecco le Foto/Risultati

Si chiude la Transalp, corsa a tappe di 7 giorni con ben 500km per 18000m dislivello. Vincono 7C-Economy-Wilier (uomini) e Team Val di Sole Bike Land (donne).

Transalp MTB 2022
©Markus Greber

Dalla corsa non arrivano molte news e i comunicati sono fatti con google translate: d’altronde non tutti hanno le eccellenze organizzative che abbiamo in Italia 🙂 Spazio al comunicato stampa finale della gara con varie fotografie dell’evento.

Fonte: comunicato stampa

Dal 03 luglio al 09 luglio 2022 ca. 1.000 mountain biker ripartiranno alla BIKE Transalp, la corsa a tappe di mountain bike più impressionante del mondo!

©Markus Greber

Nel 2022, i partecipanti devono superare sette tappe giornaliere. I corridori attraverseranno i paesaggi alpini mozzafiato.

Anche la corsa più bella finisce un giorno. Oggi l’ultima tappa della MAXXIS BIKE Transalp 2022 ha portato i partecipanti da Lavarone a Riva del Garda, dove l’atmosfera dopo la gara era gigantesca. Tra i corridori più veloci, oggi c’è stato un nuovo lancio di dadi. Nella categoria a squadre Master c’è stato uno scambio di leader e nelle squadre maschili la serie di vittorie della squadra 7C-ECONOMY-WILIER è stata interrotta.

Gioia, sollievo, orgoglio, ma anche malinconia sono stati i compagni dei partecipanti di oggi, che attendevano per l’ultima volta il segnale di partenza alla MAXXIS BIKE Transalp 2022 nella soleggiata mattinata. La tappa finale si è svolta per oltre 79 chilometri e con 2.120 metri di dislivello da Lavarona a Riva del Garda ed è stata quindi ancora una volta una tappa impegnativa BIKE Transalp. Al Lago di Garda, i finalisti erano visibilmente contenti.

L’ultima tappa non solo ha portato alla meta agognata, ma anche attraverso un pezzo di storia. 100 anni fa sull’altopiano di Folgaria, Luserna e Lavarone infuriava la prima guerra mondiale. Il percorso odierno passava anche per queste fortezze. Da Carbonare a Serrada furono percorsi 1.000 metri di dislivello sulle strade militari. La ricompensa è stata la fantastica vista panoramica dalle cime delle montagne. Il tour di storia militare si è concluso con un percorso tecnicamente impegnativo fino a Serrada. Seguì una ripida discesa su sentieri, sentieri forestali, carrarecce e strade fino alla valle dell’Adige. In questa discesa sono stati svolti in men che non si dica 1.000 metri di profondità. Infine, alcuni chilometri seguiti sulla pista ciclabile per Rovereto. Qui è iniziata la salita al passo del Monte Faé, che ha richiesto il massimo sforzo alla fine con una rampa del 17%. A Nomesino, il percorso ha attraversato la Val di Gresta e ha portato a Maso Naranch, dove ha inizio il Naranch Trail: un’ultima chicca di questa MAXXIS BIKE Transalp. Proseguendo verso le Marmitte dei Giganti, infine, un sentiero sterrato prosegue fino ad Arco. Ora il percorso è proseguito in piano su strada fino a Riva del Garda, dove l’arco d’arrivo ha atteso tutti i finalisti.

Per i piloti più veloci quella di oggi è stata una vera sfida. L’ultimo giorno le carte sono state rimescolate, soprattutto perché l’ultimo giorno la strega del difetto si è mescolata nel campo di partenza.

Dopo aver vinto sei giorni di fila, il team 7C-ECONOMY-WILIER sembrava invincibile. Nell’ultima giornata, però, la serie di vittorie dei due piloti si è interrotta, anche a causa del loro difetto. Con un distacco di oltre 15 minuti dai vincitori di oggi Teus Ruijter e Tim Smeenge del Team KMC, Carlos Arroyo Herrera e Luis Snachez Mejia hanno raggiunto il traguardo oggi in un insolito quarto posto.

Anche i secondi classificati Michael Wohlgemuth e Philip Handl del Team Texpa Simplon/MC Racing by Casa hanno tagliato il traguardo oggi a più di 19 minuti dai vincitori e hanno quindi dovuto rinunciare al secondo posto in classifica generale, che avevano preso in consegna i giorni precedenti con una corsa veloce da recuperare, al Team KMC l’ultimo giorno. “Avevo una gomma a terra, che siamo stati in grado di riparare rapidamente”, ha riferito Handl. “Poi ho distrutto il mio cerchio, che ci ha fatto perdere molto tempo. Ho poi ricevuto una ruota di scorta dagli aiutanti della squadra principale di Master. Senza questo aiuto di certo non saremmo ancora arrivati ​​al traguardo”, continua Handl ringraziando. La frustrazione, però, non si nota minimamente nei due giovani piloti. Wohlgemuth è raggiante: “E’ stata una bella gara. Siamo molto contenti del terzo posto. E il team KMC ha guidato incredibilmente bene oggi.

MASTER

Nelle squadre Master, dopo tutto, c’è stato uno scambio di maglia di leader dopo l’ultima fase. Dopo la vittoria di tappa di ieri, il Team BULLS di Michael Anthes e Karl Platt ha iniziato la gara a soli 1:18 minuti dal leader assoluto. Lo avevano già sottolineato ieri: darebbero tutto oggi per riuscire forse ancora a portare a casa la vittoria assoluta. Non hanno promesso troppo. Oggi sono stati in grado di guadagnare più di cinque minuti sulla squadra 7C-WILIER e hanno così potuto portare a casa la maglia di leader blu dopo la settima tappa.

©Markus Greber

Entrambe le squadre non sono state accompagnate dalle migliori condizioni. Il team 7C-Willier ha dovuto lottare con difetti e una tappa non adattata ai due piloti.Anche due forature hanno interferito con i piloti BULLS. “I nostri nervi erano nervosi oggi. Pensavamo di non esserci riusciti”, ha già riportato Platt al traguardo. “Ho tirato fuori il cellulare dopo il cronometraggio e ho subito guardato se avessimo la maglia”. La gioia è stata naturalmente grande quando i due piloti BULLS hanno avuto la conferma in bianco e nero.

CLASSIFICA MASCHILE

transalp uomini
CLASSIFICHE COMPLETA

CLASSIFICA FEMMINILE

transalp donne
CLASSIFICHE COMPLETA


Scritto da

info@365mountainbike.it Tutto quello che riguarda il fuoristrada: dal ciclocross al cross country, dal downhill all'enduro, senza dimenticare il ciclomercato, le curiosità e la tecnica. Per contatti commerciali, scrivere a: adv@365mountainbike.it

ARTICOLI CORRELATI

Katazina Sosna domina alla Etruscan Katazina Sosna domina alla Etruscan

Katazina Sosna domina alla Etruscan. Dorigoni e South in lotta per il successo

News

Grand Raid BCVS andreas seewald Grand Raid BCVS andreas seewald

L’UCI e la Coppa del Mondo Marathon che ritorna: amore e odio

Insights

mondiali marathon mtb 2020 mondiali marathon mtb 2020

Mondiale MTB Marathon 2026 in Italia a Primiero

News

Advertisement

NORMATIVA DEONTOLOGICA - NORMATIVA FACT CHECKING - CORREZIONI
365mountainbike è una testata giornalistica registrata al tribunale civile e penale di Verona in data 10/01/2012
Copyright © 2019 | 365 sport srl (04835100233)
via Brenta, 7 - 37057 San Giovanni Lupatoto (VR)

© 365 sport srl Tutti i diritti riservati. Gli articoli contenuti nel sito non possono essere copiati o riprodotti con altri mezzi senza una licenza concessa dell'autore. La riproduzione pubblica di un contenuto del sito, in tutto o in parte, con qualsiasi mezzo, senza l'espressa autorizzazione scritta dall'autore, è vietata.

Connect