Connect with us

La nostra redazione

365mountainbike
ItalianEnglish

News

Henrique Avancini lascia il Cannondale Factory Racing

Dopo 8 anni Henrique “Ave” Avancini lascia il Cannondale Factory Racing. Il fotografo di lunga data del CFR Michele Mondini ricorda il suo tempo con Ave, da entrambi i lati della fotocamera, durante le loro numerose stagioni insieme.

Henrique Avancini
©José María Cabrera

Ogni volta che mi viene assegnato un compito, mi preparo a tirare fuori il meglio dalla nuova esperienza. Anche se non è un lavoro facile, ho imparato che passione, apertura mentale e impegno possono fare una grande differenza nel risultato finale. Quando ho ricevuto la chiamata dalla sede di Cannondale dove mi chiedevano un riassunto della vita di Avancini con il Factory Team, poco dopo aver iniziato la ricerca nel mio archivio fotografico mi sono reso conto che non sarebbe stato uno di quei lavori facili.

Henrique Avancini
Henrique Avancini Snowshoe 2022 – ©Red Bull Content Pool

Fonte: comunicato stampa/Michele Mondini

Immagino che molti appassionati di ciclismo abbiano ricordi di una vittoria o di qualche momento speciale. Potrebbe sembrare abbastanza semplice creare un riassunto di una carriera. Se si guardano solo le statistiche – campione del mondo Marathon 2018, vincitore della Coppa del Mondo a Nove Mesto 2020, primo brasiliano a vincere una gara XCC ad Andorra, più volte vincitore di tappa con il compagno di squadra CFR Manuel Fumic alla Cape Epic dal 2016 al 2019, e molto altro – capisci subito che stiamo parlando di un atleta di talento, certo, ma ti perdi anche gran parte della storia.

Ho iniziato la mia ricerca di immagini con la stagione 2017. Non so perché, ma nella mia mente, è stato quell’anno il punto di svolta nella carriera di Henrique.

Henrique Avancini
Henrique Avancini – ©Bartek Wolinski / Red Bull Content Pool

Quella stagione iniziò con qualche cambio di atleti in squadra, e Avancini – o “Ave” – ebbe la possibilità di mostrare la sua personalità. Assieme al suo idolo (e compagno di squadra) Manuel Fumic, ha potuto dare segni del suo futuro, vincendo alcune tappe dell’Absa Cape Epic in Sud Africa, indossando la maglia di leader e terminando quinto assoluto.
I buoni risultati in Sud Africa lo hanno probabilmente convinto della possibilità di ambire alla maglia iridata marathon a Singen, ma è arrivato lontano dal podio. Nel resto della stagione ha ottenuto risultati costanti in Brasile, ma gli mancava ancora qualcosa per entrare nella top 20.

Forse sarebbe però meglio iniziare la storia dall’inizio… Ho iniziato la mia carriera fotografica intorno al 2009, ma i primi grandi lavori sono arrivati qualche anno dopo. Uno dei miei sogni era girare il mondo fotografando i migliori professionisti del circuito. La mia prima volta in Sud Africa è stata al Campionato del Mondo a Pietermaritzburg nel 2013. Quella è stata la prima volta che ho visto la nostra superstar brasiliana gareggiare per un marchio nazionale.

Henrique Avancini
Henrique Avancini – ©Bartek Wolinski / Red Bull Content Pool

Qualche anno dopo, nel 2015, ho avuto la fortuna di unirmi al CFR (Cannondale Factory Racing). Quella fu anche la prima stagione di Avancini. A quel punto non molte persone erano convinte del potenziale di questo ragazzo, ma lui stava sognando in grande.

Ave ed io siamo andati alla Cape Epic in Sud Africa per la prima volta nel 2016. Il mio inglese era decisamente scarso e le uniche due persone con cui potevo parlare erano il meccanico Giacomo e Henrique, che parlava un italiano fluente. Quel viaggio ci ha permesso di costruire una forte relazione.

Immagino che nessuno si aspettasse che il team CFR sarebbe stato in grado di conquistare la maglia di leader nella impegnativa Cape Epic. Mi chiedo ancora se quel risultato sia stato anche frutto dei bei momenti che abbiamo passato insieme sul campo.
“Il presidente” era frustrato per non riuscire molto spesso a raggiungere il suo obiettivo e stava dedicando sempre più tempo all’allenamento. Durante uno dei lunghi viaggi verso una tappa di Coppa del Mondo nel 2017, ricordo ancora che abbiamo parlato di questa situazione. Ho finito per dirgli qualcosa del tipo: “Assicurati di non perdere la concentrazione; tieni presente che per andare in alto devi prima toccare il fondo. Ovviamente non è stato solo il mio discorso a cambiare la situazione, ma la tappa di Coppa del Mondo di Cairns, dove i tre leoni del CFR hanno mancato il podio per pochi secondi.

Henrique Avancini
©Fabio Piva / Red Bull Content Pool

Quel punto culminante alla fine della stagione 2016 gli ha dato la motivazione per lavorare sodo durante il periodo invernale. A Dicembre eravamo già insieme in Sud Africa per preparare gli atleti al percorso e al caldo.

La frustrazione si è trasformata in sorrisi. Henrique ha iniziato la stagione 2017 con rinnovata energia. Il Training Camp in Sud Africa ha dato vita a numerosi piazzamenti tra i primi dieci, con il team CFR che ha conquistato il titolo di miglior squadra. Di conseguenza, anche la folla attorno al podio è diventata sempre più numerosa.

“XCC Short Track è la vera novità del 2018. L’UCI, cercando di creare un formato più interessante per i fan, ha introdotto una gara veloce di 20 minuti che determina la posizione di partenza dei corridori per la successiva gara XCO.

All’inizio nessuno capiva davvero come questa gara avrebbe avuto un impatto sulla gara principale del fine settimana. I team erano un po’ scettici sull’averla come gara di apertura del weekend. Le tattiche sono poi diventate chiare dopo alcuni eventi, e a Vallnord Avancini ottiene la sua prima vittoria in un evento di Coppa del Mondo.”

Il sogno di una maglia iridata passa per i Campionati Marathon in Italia nel 2018. Questo rappresenta sicuramente un segnale per lui. Auronzo, il luogo dei mondiali Marathon, è molto vicino al piccolo villaggio in cui Avancini abitava nel primo periodo della sua permanenza in Europa.

Henrique Avancini
©Fabio Piva / Red Bull Content Pool

La difficoltà di quella gara, con le discese tecniche sui singletrack dolomitici, giocano un ruolo determinante nel risultato della stagione.”
“Quando la mia ricerca è arrivata alla cartella 2019, ho dovuto prendere fiato. In una stagione come quella, è stato decisamente difficile scegliere cosa scegliere e cosa abbandonare.

Chi sostiene che nuove energie e la giusta atmosfera creano un vortice positivo ha ragione. Tutti coloro che erano coinvolti nella vita del team CFR si sentivano orgogliosi dei risultati complessivi e tutti stavano lavorando sodo per offrire il meglio che potevano.”

L’impatto di Avancini sulla squadra stava diventando evidente. Ogni giorno trascorreva un’enorme quantità di tempo tra interviste e riunioni con i media. Un’azienda brasiliana ha deciso di inviare una troupe video per seguire tutta la sua stagione agonistica, mostrando la vita reale di un atleta.

Il 2020 doveva diventare il sequel della stagione precedente, ma la pandemia ha rimescolato le carte colpendo duramente tutti. Uscivamo e rientravamo dal Sudafrica quando abbiamo sentito le prime confuse notizie sul Coronavirus. L’Europa era nel panico, ma nella nostra bolla la solita routine non era poi così diversa. Dopo due training camp in Sud Africa e la rapida avventura al Tankwa Trek, eravamo pronti per affrontare un’altra Cape Epic. Quella doveva essere una gara speciale, segnata dall’imminente ritiro di Manuel Fumic.

Henrique Avancini – ©Fabio Piva / Red Bull Content Pool

Le cose sono cambiate improvvisamente e abbiamo dovuto tornare a casa il più velocemente possibile mentre l’Europa stava iniziando il lockdown.

Il sogno ha dovuto aspettare fino a Ottobre, ma alla fine non sarebbe diventato realtà.”

“Dopo il grande traguardo della vittoria della Coppa del Mondo XCO a Nove Mesto, le cose non sono diventate più facili per Avancini.

Nel 2021 viaggiare era ancora difficile, e per qualche mese non riuscì nemmeno ad arrivare in Europa.

La sua motivazione ha preso un brutto colpo e ha dovuto impegnarsi molto per rimanere in cima alla classifica UCI.”

“Se non sbaglio, durante una chiaccherata all’inizio dell’anno, Ave aveva detto che gli sarebbe piaciuto avere una Coppa del Mondo in Brasile, e che stava cercando di trovare il posto giusto e il supporto per realizzarlo.

In questa occasione “The President” ha fatto le mosse giuste e con l’annuncio del calendario di Coppa del 2022 abbiamo avuto la conferma che un altro traguardo era stato raggiunto.”

“Mai nella mia vita ero stato così felice come quando sono volato all’estero per fotografare un evento come quello a casa di Ave. È stato incredibile vedere le dimensioni della folla e il loro amore per gli atleti e lo sport.

Sono abbastanza sicuro che quel fine settimana abbia cambiato la mentalità di molte persone!”

“Mi immagino di aver già preso molto del tuo tempo, eppure non siamo ancora arrivati ai giorni nostri.

Non c’è molto altro da aggiungere. Semplicemente tutti in Cannondale e CFR si sentono così fortunati ad aver condiviso un’enorme quantità di tempo insieme negli ultimi nove anni della carriera di Henrique.

Ho avuto l’opportunità di connettermi direttamente con lui e ho imparato da lui che i sogni possono diventare realtà.”



Scritto da

info@365mountainbike.it Tutto quello che riguarda il fuoristrada: dal ciclocross al cross country, dal downhill all'enduro, senza dimenticare il ciclomercato, le curiosità e la tecnica. Per contatti commerciali, scrivere a: adv@365mountainbike.it

ARTICOLI CORRELATI

van der poel ciclocross hulst van der poel ciclocross hulst

CDM Ciclocross – Mathieu Van Der Poel batte Tom Pidcock nel confronto diretto

News

pidcock vince X2O Trofee Kortrijk - Urban Cross 2022 pidcock vince X2O Trofee Kortrijk - Urban Cross 2022

La prima di Tom Pidcock nel Ciclocross al X2O Trofee Kortrijk

News

ragnoli bright racing shocks (6) ragnoli bright racing shocks (6)

Juri Ragnoli sceglie Bright RS come partner sospensioni

News

Advertisement

NORMATIVA DEONTOLOGICA - NORMATIVA FACT CHECKING - CORREZIONI
365mountainbike è una testata giornalistica registrata al tribunale civile e penale di Verona in data 10/01/2012
Copyright © 2019 | 365 sport srl (04835100233)
via Brenta, 7 - 37057 San Giovanni Lupatoto (VR)

© 365 sport srl Tutti i diritti riservati. Gli articoli contenuti nel sito non possono essere copiati o riprodotti con altri mezzi senza una licenza concessa dell'autore. La riproduzione pubblica di un contenuto del sito, in tutto o in parte, con qualsiasi mezzo, senza l'espressa autorizzazione scritta dall'autore, è vietata.

Connect