Connect with us

La nostra redazione

365mountainbike
ItalianEnglish

News

Coppa del Mondo XC: Titouan Carod firma la prima a Mont Sainte Anne

4° posto per Braidot. Prima vittoria in coppa per il talento francese Titouan Carod (BMC) che vince di potenza davanti al compagno di squadra Filippo Colombo e David Valero (BH Templo).

Titouan Carod Mont Sainte Anne
Titouan Carod vince a Mont Sainte Anne - ©Bartek Wolinski / Red Bull Content Pool

Per la prima volta, in questo 2022, si vede un dominio assoluto e si tratta del campione nazionale francese Titouan Carod, atleta del Team BMC. Bella prova di Luca Braidot che si piazza al 4° posto.

GUARDA IL REPLAY

La gara parte con un meteo non ottimale: le gare femminili hanno visto, rispetto alla DH di ieri, un tempo nuvoloso e con fondo bagnato viste le pioggie di ieri. Durante il giro di lancio tutti i migliori sono davanti, esclusi Schurter e Sarrou che si mantengono nella pancia del gruppo intorno alle ventesima posizione.

Non partenti Avancini, Dascalu e Blevins, probabilmente per Covid (un vero disastro quest’anno). Il primo a fare selezione è Titouan Carod (BMC) che sulla prima salita tecnica da il primo scossone alla gara. La prima salita è molto stretta e tecnica ed è molto importante stare davanti. Dietro gli inseguitori sono Luca Braidot (Santa Cruz FSA), Alan Hatherly (Cannondale), Filippo Colombo (BMC), Sebastian Fini (KMC), il messicano Ulloa (vera rivelazione in questo weekend) e De Froidmont (KMC).

Kerschbaumer e Colledani navigano intorno al 20° posto mentre Schurter rimane intruppato, assieme a Valero, sono appena dietro il gruppo di testa ma sembra abbiano la gamba per rientrare.

Il percorso è spettacolare: la pioggia l’ha reso viscido e molto tecnico. Dietro Colombo fa da tappo essendo compagno di squadra di Carod: dimostra di avere una gamba eccezionale ma rimane sempre in seconda posizione a stoppare l’eventuale atleta che cerca di chiudere su Carod.

Durante il terzo giro, De Froidmont continua ad aprire il gas e seleziona per bene il gruppo di testa: solo Filippo Colombo, Alan Hatherly e Sebastian Fini (compagno di squadra di Froidmont) rimangono con lui.

Luca Braidot fa un po’ di elastico ma rimane con i primi con Titouan Carod che passa a 3 giri dal termine con 54″ di vantaggio: una eternità e un ritmo di gara pazzesco! Anche Gerardo Ulloa (Massi) rimane agganciato con i denti. Nino Schurter non sembra in un giorno ottimale ma continua a recuperare terreno e rientra sul gruppo di testa a 2 giri dal termine, portandosi con se David Valero, abituato alle gare in rimonta.

Il messicano Gerardo Ulloa (MASSI-BEAUMES DE VENISE) è vittima di una sfortuna immensa: a 2 giri dalla fine, mentre stava facendo la gara della vita essendo nel gruppo di testa, rompe il pedale ed è costretto al ritiro. A 3 giri dalla fine esplode la corsa: Filippo Colombo attacca, dopo aver difeso per tutta la gara il compagno di squadra Titouan Carod, e fa esplodere la corsa, con Luca Braidot e Nino Schurter che si lanciano in caccia.

Alan Hatherly commette un grave errore e cade leggermente giù da una scarpata in un tratto viscido in salita. Da lì salterà di testa e perderà molte posizioni. Nel frattempo, Juri Zanotti mette in atto dalle retrovie una rimonta straordinaria ed entra nella top10! Considerando che Colombo e Carod sono al 1° e 2° posto, una prestazione fantastica per il Team BMC. Titouan Carod però non perde terreno e dietro non riescono a guadagnare, iniziando l’ultimo giro con più di 2 minuti di vantaggio (2’13”). Imbarazzante il suo dominio! Gli inseguitori, dopo questo cambio di ritmo, sono Nino Schurter (gara di esperienza), Filippo Colombo (che continua a fare un ottimo gioco di squadra su Carod), Pierre De Froidmont e David Valero. Luca Braidot continua a fare da elastico e mantiene a fatica il gruppo di testa. Ma oggi Titouan Carod è inarrestabile, bisogna sparargli per fermarlo: bocca chiusa per tutta la gara, sembra in gita di piacere. Anche Gerhard Kerschbaumer sta arrivando di rimonta e inizia l’ultimo giro all’8° posto assieme a Maxime Marotte (Santa Cruz FSA).

Il francese va a vincere con una facilità e distacco imbarazzanti: se al mondiale si presenta con questa gamba, sarà dura per tutti. Dietro la battaglia per il podio è bellissima e per tutto l’ultimo giro è un attacco dietro l’altro, con Nino Schurter che scivola in discesa e fatica a ritrovare il ritmo: a spuntarla è Filippo Colombo, compagno di squadra di Carod, su David Valero, a suggello di un dominio del Team BMC di “patron” Julien Absalon. Luca Braidot fa un finale brillantissimo e si prende il 4° posto davanti a De Froidmont (grande gara la sua) e Mr Nino Schurter.

ITALIANI

Luca Braidot è 1° degli Italiani. Dietro di lui, al 14° posto, Gerhard Kerschbaumer che non finalizza la bella rimonta che aveva messo in atto da metà gara in poi a causa di vari errorini durante l’ultimo giro. Peccato per Juri Zanotti: anche lui paga l’ultimo giro ma porta a casa una top20 importante (15°), rimanendo per gran parte della gara in top10. Ottimo in vista futura. Nadir Colledani, dopo una prima metà gara buona, cede posizioni importanti e termina al 34° posto.

CLASSIFICA ELITE MASCHILE

1.CAROD Titouan (BMC MTB RACING)1:24:48
2.COLOMBO Filippo (BMC MTB RACING)1:26:29
+1:41
3.VALERO SERRANO David (BH TEMPLO CAFÉS UCC)1:26:32
+1:44
4.BRAIDOT Luca (SANTA CRUZ FSA MTB PRO TEAM)1:26:37
+1:49
5.DE FROIDMONT Pierre (KMC – ORBEA)1:26:37
+1:49
6.SCHURTER Nino (SCOTT-SRAM MTB RACING TEAM)1:26:38
+1:50
7.MAROTTE Maxime (SANTA CRUZ FSA MTB PRO TEAM)1:27:22
+2:34
8.GRIOT Thomas (CANYON CLLCTV)1:27:31
+2:43
9.SCHUERMANS Jens (SCOTT CREUSE OXYGENE GUERET)1:27:48
+3:00
10.GUERRINI Marcel (BIXS PERFORMANCE RACING)1:27:55
+3:07
CLASSIFICA COMPLETA
GENERALE COPPA DEL MONDO


Scritto da

davide.finetto@365mountainbike.it Sono un appassionato di tutto ciò che ha 2 ruote: in età giovanile ho praticato agonisticamente il ciclismo su strada e su pista (campione Italiano Allievi). All'età di 18 anni sono passato nel cross country gareggiando a livello nazionale/internazionale come Under23. Passato Elite, ho fatto la scelta di prendere le cose più alla leggera dal punto di vista dell'allenamento, ed ecco che è nato l'amore per le discipline gravity, formandomi come maestro e guida FCI MTB. Ora ho fatto della mia passione la mia professione gestendo 2 centri MTB all'isola d'Elba (Bike Center Elba ed Elba MTB), creando il FANTAmtb e raccontando in modo ironico, ma professionale, tutto quello che ruota attorno alla MTB grazie a 365mountainbike e 365tv (YouTube 'PULITI dentro BIKER fuori').

ARTICOLI CORRELATI

podio ews 2022 uomini podio ews 2022 uomini

Enduro MTB: Analisi della stagione dell’EWS

Insights

Forster e Schurter Forster e Schurter

ÖKK Bike Revolution: Forster su Schurter. Prevot Hors Category

News

Jesse Melamed e Isabeau Courdurier EWS 2022 Jesse Melamed e Isabeau Courdurier EWS 2022

Courdurier e Melamed Campioni mondiali Enduro MTB 2022

News

Advertisement

NORMATIVA DEONTOLOGICA - NORMATIVA FACT CHECKING - CORREZIONI
365mountainbike è una testata giornalistica registrata al tribunale civile e penale di Verona in data 10/01/2012
Copyright © 2019 | 365 sport srl (04835100233)
via Brenta, 7 - 37057 San Giovanni Lupatoto (VR)

© 365 sport srl Tutti i diritti riservati. Gli articoli contenuti nel sito non possono essere copiati o riprodotti con altri mezzi senza una licenza concessa dell'autore. La riproduzione pubblica di un contenuto del sito, in tutto o in parte, con qualsiasi mezzo, senza l'espressa autorizzazione scritta dall'autore, è vietata.

Connect