Connect with us

La nostra redazione

365mountainbike
ItalianEnglish

News

Chi è Adam Craig, direttore di gara di EWS Sugarloaf



Il carismatico frontman dell’EWS Sugarloaf potrebbe essere un vero e proprio re della mountain bike, ma in fondo è solo un ragazzo che ama andare in bicicletta, anche se un po’ più veloce della maggior parte.

Il direttore di gara Adam Craig ha trasformato la determinazione che lo ha portato alle Olimpiadi nel trasformare una ripida e accidentata collina da sci nel Maine in quello che promette di essere uno straordinario percorso di Enduro World Series.

È pronto a sottolineare che la rete di piste che ora si sviluppa lungo la parete di 700 metri del Pan di Zucchero, sia il culmine di un enorme lavoro di squadra.

Il palares di questo uomo è impressionante. Oltre ad essere stato 18 volte campione nazionale di xc, Adam e il compagno di scuderia di Giant Carl Decker si sono piazzati tra i primi 10 nelle gare automobilistiche nazionali statunitensi negli stessi anni in cui conquistavano i primi due posti a Downieville. Ha gareggiato a livello professionistico nel kayak free style in acque bianche e solo una tempesta canadese ha interrotto la sua marcia verso la qualificazione al Freeride World Tour con gli sci. E non chiedere quante volte ha vinto i funky Singlespeed Cyclocross World Champs.

Qui a Sugarloaf sta dando gli ultimi ritocchi alle cinque tracce che ospiteranno l’EWS ed è più che pratico.

Arrivo nel resort – a circa 35 miglia dal confine canadese – con un messaggio di Adam che dice che è andato a una “cosa di compleanno” in uno degli enormi parcheggi del resort. Quando lo raggiungo mi rendo conto che è il suo “compleanno”. Una festa a sorpresa per il 41° compleanno, organizzata dalla sua partner Annie. Adam, la sua potente mano destra Brenna Herridge e una colorata selezione di trail builder si stanno godendo la tequila e beh… principalmente tequila.

Adam indossa la sua attrezzatura da trail-building, un top fluorescente con il marchio resort coperto di olio, un paio di pantaloni da lavoro Carhartt consumati e alcuni stivali con punta in acciaio adeguatamente malconci.

Adam è cresciuto a Exeter, nel Maine, gareggiando in mountain bike dall’età di 12 anni prima di entrare nella squadra di XC degli Stati Uniti a 17 e rappresentare gli Stati Uniti ai Campionati del mondo a Mont Sainte Anne, in Canada, nel 1998. Ha trascorso due anni all’Olympic Center di Colorado, esplorando le Montagne Rocciose in bicicletta e in kayak quando non si allenava. Mentre era incentrato sull’XC, il programma lo ha portato anche a correre su strada e nel ciclocross in Europa.
Ha continuato a correre attraverso il paese, ma si è trovato attratto dalle competizioni multi disciplinari del calibro di Downieville e dagli eventi enduro point-to-point, prima di passare all’enduro a tempo pieno dopo aver corso l’allora Trans Provence di sette giorni nel 2012.

Non solo MTB nella vita di Adam

Nel 2013,Adam ha parteciapto alla prima EWS in assoluto nella località turistica toscana di Punta Ala. Ha continuato a competere per l’intera stagione e per altre tre per intero; ottenendo un quarto posto a Whistler quel primo anno.

“Era una sfida diversa e adatta a me. Ho corso cross country perché ero bravo, ma mi piaceva anche andare in mountain bike ed esplorare i dintorni ed ero sempre in giro per le colline tra le Coppe del Mondo”, dice.

“Mi sono allontanato dalle corse nel 2017, ma sono stato in grado di rimanere coinvolto con Giant come ambasciatore e aiutare con lo sviluppo del prodotto.

“L’enduro ha aumentato il mio apprezzamento per la costruzione di sentieri, vedendo luoghi diversi e le infrastrutture necessarie per gli eventi.

Adam a La Thuile

“Avendo un po’ di tempo ho iniziato a fare un sacco di lavoro di volontariato sui sentieri imparandolo dalla gente là fuori. Il che è stato fantastico”.
Adam ha stabilito la sua casa nella mecca all’aperto di Bend, in Oregon, nel 2002 prima di trasferirsi nella Carrabassett Valley, dove ora vive con la compagna Annie, 37 anni, anche lei mountain biker.

Vivendo nella città dell’Oregon, il suo ruolo di trail-work era incentrato sul Pacifico nord-occidentale e si occupava di amministrazione e gestione dell’entroterra, in particolare l’Oregon Timberline Trail Alliance e la rete di percorsi che ha reso l’enduro di più giorni TransCascadia un tale colpo.

“Ciò è cresciuto lavorando con il servizio forestale e, per conto del servizio forestale, là fuori su terreni pubblici ed è stata un’ottima opportunità per imparare da quelle persone ed eseguire alcuni progetti finanziati da sovvenzioni”, ha affermato.

Oltre a ciò, Adam è diventato il rappresentante della EWS North American Continental Series per due stagioni nel 2018 e nel 2019, fornendo un percorso di qualificazione nella stessa Enduro World Series.

“Ciò ha comportato andare agli eventi e mirare a comunicare con i promotori locali in anticipo per cercare di garantire la coerenza tra gli eventi.

Adam ha detto che avrebbe sempre voluto vedere una Enduro World Series qui nel nord-est. E, dopo essere stato coinvolto in un evento della Continental Series estremamente popolare al quinto round dell’EWS 2022, Burke Mountain, ha incontrato il direttore delle vendite di Sugarloaf, Brenna Herridge.

“Lei è la persona che ha davvero guidato tutto questo e mi ha suggerito di dare un’occhiata”, ha detto. “Ho iniziato a fare escursioni da queste parti e a percorrere i sentieri esistenti nella valle – i Carrabassett Valley Trails.

Il format prevedeva quindi di correre in discesa, Dual Slalom e Cross Country per tutto il fine settimana sulla stessa bici.

“Quindi, una volta tornato qui, ho iniziato a guardarmi intorno e vedere cosa c’era a disposizione per percorsi intorno alla montagna e potenziali scavi. Nell’autunno del 2020 abbiamo fatto un rapido rake-and-ride sul sentiero Widowmaker che è il tracciato Shakedown – il primo che abbiamo inserito.

“L’abbiamo inserito ed è andato bene e abbiamo pensato, forse possiamo farlo…”

Sugarloaf ha ospitato una Eastern States Cup nel settembre 2021 su tutti i nuovi sentieri. Quattro piste di Enduro e una pista di Downhill. La pista di Downhill è diventata la tappa 5 della Sugarloaf EWS.

“Questo ci ha fatto muovere e abbiamo avuto l’opportunità di fare offerte per l’Enduro World Series e siamo stati accettati, il che è stato fantastico avere un blocco regionale con Burke e siamo stati in grado di supportarci a vicenda in questo sforzo, il che è l’ideale”.

La compagna di Adam, Annie, sarà in corsa per sostenere così come suo padre Harvey, 76 anni, che vive nella casa di famiglia a Exeter.

“Non vedo l’ora, sembra che otterremo lo standard, forse bagnato, forse asciutto e partiremo da lì. Penso che qui vada tutto meglio quando è bagnato, perché ti permette di muoverti un po’ di più.



Scritto da

marco.tagliaferri@365mountainbike.it Redattore ed esperto di viaggi in mountain bike. Chiropratico e personal trainer, da anni al seguito di alcuni dei più forti interpreti nazionali dell'enduro mtb.

ARTICOLI CORRELATI

van der poel ciclocross hulst van der poel ciclocross hulst

CDM Ciclocross – Mathieu Van Der Poel batte Tom Pidcock nel confronto diretto

News

pidcock vince X2O Trofee Kortrijk - Urban Cross 2022 pidcock vince X2O Trofee Kortrijk - Urban Cross 2022

La prima di Tom Pidcock nel Ciclocross al X2O Trofee Kortrijk

News

richard gasperotti richard gasperotti

Una Mondraker Superfoxy in cima al vulcano Etna

News

Advertisement

NORMATIVA DEONTOLOGICA - NORMATIVA FACT CHECKING - CORREZIONI
365mountainbike è una testata giornalistica registrata al tribunale civile e penale di Verona in data 10/01/2012
Copyright © 2019 | 365 sport srl (04835100233)
via Brenta, 7 - 37057 San Giovanni Lupatoto (VR)

© 365 sport srl Tutti i diritti riservati. Gli articoli contenuti nel sito non possono essere copiati o riprodotti con altri mezzi senza una licenza concessa dell'autore. La riproduzione pubblica di un contenuto del sito, in tutto o in parte, con qualsiasi mezzo, senza l'espressa autorizzazione scritta dall'autore, è vietata.

Connect