fbpx
Connect with us

News

MAXI RECAP dei Campionati Italiani Ciclocross 2022

Dorigoni, Persico e Toneatti illuminano l’ultima giornata dei Campionati Italiani Ciclocross 2022.

campionato italiano di ciclocross

Un grande spettacolo sportivo su un bellissimo tracciato di 2,6 km, disegnato dal CT della Nazionale italiana di ciclocross Daniele Pontoni. Il circuito è risultato tecnico e impegnativo, specie nella sua parte centrale con l’ascesa verso la chiesetta sul colle di San Leonardo, punto che ha saputo far emergere i migliori esponenti della specialità mettendo alla prova i quasi mille atleti partecipanti ai tre giorni di rassegna.

L’ottima manifestazione è stata organizzata dalla DP66 Giant SMP del presidente Michele Bevilacqua e dalla Scuola Ciclismo Fuoristrada Mont di Bike con la preziosa collaborazione del Gs Varianese ed il supporto della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.

Fonte: comunicato stampa

In ordine cronologico, la carrellata di tutte le gare della giornata.

JUNIORES – Il nuovo campione italiano ciclocross della categoria Juniores è Samuele Scappini (Team Fortebraccio), che sin dalle prime battute di gare ha attuato una condotta di attacco.

Il ragazzo di Mosciano si è lasciato alle spalle Elian Paccagnella (Zanolini-Sudtirol Post), medaglia d’argento a 10 secondi, Ettore Prà (Hellas Monteforte), medaglia di bronzo a 18 secondi.
Fuori dal podio l’emiliano Luca Paletti (A Favore del Ciclismo), quarto a 30 secondi.

Foto di Alessandro Billiani

Quasi incredulo dopo la premiazione Samuele Scappini spiega: “Ancora non ci credo a quello che ho fatto. Posso dire che non me lo aspettavo, anche se lo puntavo ed ero partito per vincere e ce l’ho fatta. Non sapevo come si sarebbe messa la gara, ma oggi sentivo di avere le gambe buone e ho dato tutto quello che potevo dare fino alla fine”.

L’arrivo di Samuele Scappini. Foto di Alessandro Billiani

CLASSIFICA JUNIORES:

1 Samuele Scappini (Team Fortebraccio) 35:00.1

2 Elian Paccagnella (Zanolini-Sudtirol Post) +10.2

3 Ettore Prà (Hellas Monteforte) +18.0

4 Luca Paletti (A Favore del Ciclismo) +30.7

5 Luca Toneatti (Jam’s Bike Team Buja) +32.5

6 Tommaso Cafueri (DP66 Giant SMP) +40.7

7 Tommaso Tabotta (DP66 Giant SMP) + 53.2

8 Elia Mares (Gc Montegrappa) +58.9

9 Tommaso Ferri (Vallerbike) +1:03.1

10 Andrea Dallago (Zanolini-Sudtirol Post) +1:10.0

DONNE JUNIOR – Tra le Donne Junior è Sophie Auer (Zanolini-Sudtirol Post) a laurearsi campionessa d’Italia di ciclocross. Ha messo in fila tutte le avversarie sul tracciato tecnico e impegnativo di Variano di Basiliano.

Ha provato a tenerle testa, ma si è dovuta accontentare della seconda piazza, Valentina Corvi (Gs Sorgente Pradipozzo), conquistando la medaglia d’argento a 5 secondi. La medaglia di bronzo va a Beatrice Fontana (Team Rudy Project). Rimane fuori dal podio Federica Venturelli (Selle Italia Guerciotti Elite), quarta. 

Foto di Alessandro Billiani

Quasi sorpresa ma felice della vittoria Sophie Auer: “Non mi aspettavo questa vittoria perché ci sono molte ragazze che vanno forte, ma sapevo che quella di oggi era una gara molto bella e importante e sono partita con la volontà di dare tutto quello che avevo ed è andata bene anche se ho vinto con un piccolo vantaggio. Ora mi godo questa maglia tricolore, mi concederò finalmente una piccola pausa e poi tra un paio di settimane comincerò a pensare alla nuova stagione di mountain-bike”.

L’arrivo di Sophie Auer. Foto di Alessandro Billiani

CLASSIFICA DONNE JUNIOR:

1 Sophie Auer (Zanolini-Sudtirol Post) 41:24.7

2 Valentina Corvi (Gs Sorgente Pradipozzo) +5.1

3 Beatrice Fontana (Team Rudy Project) +1:24.1

4 Federica Venturelli (Selle Italia Guerciotti Elite) +2:04.4

5 Martina Recalcati (Gs Sorgente Pradipozzo) +3:15.7

6 Lisa Canciani (DP66 Giant SMP) +3:31.7

7 Lucrezia Braida (Team Rudy Project) +3:44.4

8 Gaia Santini (DP66 Giant SMP) +3:59.7

9 Giorgia Sacchi (Techno Bike) +4:48.2

10 Vittoria Rizzo (Guerciotti Development) +5:08.8

UNDER 23 – Apoteosi per la DP66 Giant SMP che festeggia in casa la vittoria del Campionato Italiano Ciclocross tra gli Under 23 con Davide Toneatti. Grandissima prestazione per l’atleta friulano che, dopo una stagione contraddistinta da alti e bassi, si fa trovare pronto nella giornata più importante della stagione invernale cogliendo uno strepitoso successo in rimonta.

Toneatti è stato un concentrato di forza e testa. Ha capito ben presto che la ruota più pericolosa era quella di Samuele Leone (Selle Italia Guerciotti Elite) e nel finale approfittando di un errore dell’avversario, ha affondato l’attacco letale che gli ha permesso di salire sul gradino più alto del podio.

Medaglia d’argento per Leone. A completare la splendida giornata per la DP66 Giant SMP arriva anche il terzo posto del bravissimo Marco Pavan, che era stato protagonista al comando con Toneatti nella prima parte di gara.

Foto di Alessandro Billiani

Toneatti: “È stato un anno un po’ complicato per me, soprattutto nell’ultimo mese non sono stato molto bene ed essere qui oggi, sul primo gradino del podio, nella gara di casa, è veramente un’emozione unica. Oggi è stato davvero tutto perfetto. Dopo metà gara, quando Samuele e rientrato su di me e il mio compagno Pavan, ho capito che era la ruota da seguire. All’ultimo giro era riuscito a prendere una ventina di metri su di me, però sono riuscito a recuperare nella zona delle rampe e ho subito approfittato per passarlo e poi anche di un errore che ha commesso e sono riuscito a vincere. Dedico questo successo a tutta la mia famiglia e a tutta la squadra che è riuscita anche ad organizzare un’ottima manifestazione su un percorso fantastico”.

L’arrivo di Davide Toneatti. Foto di Alessandro Billiani

CLASSIFICA UNDER 23:

1 Davide Toneatti (DP66 Giant SMP) 44:53.9

2 Samuele Leone (Selle Italia Guerciotti Elite) +11.9

3 Marco Pavan (DP66 Giant SMP) +1:01.2

4 Ettore Loconsolo (Team Fracor) +1.41.2

5 Lorenzo Masciarelli (Pauwels Sauzen – Bingoal) +1:56.8

6 Emanuele Huez (Cs Carabinieri) +2:46.4

7 Philippe Mancinelli (Cycling Café Racing Team) +3:51.7

8 Gabriele Bertini (Vallerbike) +4:31.0

9 Gabriel Fede (Selle Italia Guerciotti Elite) +4:32.2

10 Raul Baldestein (Cycling Café Racing Team) +5:04.5

DONNE ELITE E UNDER 23 – Vittoria spettacolare di Silvia Persico (FAS Airport Services) al Campionato Italiano Ciclocross Donne Elite. La giovane bergamasca con una stagione in continua ascesa, conclude questa superlativa prestazione vestendo la maglia tricolore e candidandosi anche ad un ruolo da protagonista nella spedizione azzurra del prossimo Campionato del Mondo negli Stati Uniti.

È partita subito all’attacco, conscia di una grande condizione e spinta da una grande motivazione. Qualche errore e qualche caduta hanno permesso ad Eva Lechner di riportarsi sulla bergamasca nel tratto più impegnativo e fangoso del tracciato, ma la tranquillità mantenuta dalla Persico ha fatto la differenza, permettendogli di vincere la prova.

Medaglia d’argento per Eva Lechner (Centro Sportivo Esercito), e medaglia di bronzo per Sara Casasola (DP66 Giant SMP).

 Quinto posto assoluto e prima delle Donne Under 23 è stata l’abruzzese Gaia Realini (Selle Itala Guerciotti) che sul podio di categoria ha preceduto Nicole Pesse (Team Rudy Project) e Nicole Fede (Guerciotti Development).

Podio ELITE. Foto di Alessandro Billiani
Podio UNDER 23. Foto di Alessandro Billiani

La campionessa italiana Elite Silvia Persico spiega: “Sono partita molto convinta, sapevo di poter fare molto bene, avevo delle sensazioni molto buone anche nei giorni precedenti e nelle ultime gare fatte. Già dal primo giro ho capito che era una buona giornata e allora ho cercato di spingere, ma cercando anche di controllarmi un po’ ed evitare cadute. Sono riuscita a tenere la calma e sono molto contenta di questa vittoria che per me è solo un punto di partenza e ora guardo con fiducia verso il Mondiale americano”.

L’arrivo di Silvia Persico. Foto di Alessandro Billiani

Raggiante anche la campionessa italiana Under 23 Gaia Realini: “Non ho parole per descrive le emozioni di questa gara perché sono tanti anni che inseguivo questo sogno di indossare la maglia tricolore e dopo tanto tempo, con tanti sacrifici sono contenta di esserci riuscita”.

L’arrivo di Gaia Realini. Foto di Alessandro Billiani

CLASSIFICA DONNE OPEN:

1 Silvia Persico (FAS Airport Services) 50:21.4

2 Eva Lechner (Centro Sportivo Esercito) +27.6

3 Sara Casasola (DP66 Giant SMP) +1:18.8

4 Rebecca Gariboldi (Team Cingolani) +1:50.7

5 Gaia Realini (Selle Itala Guerciotti) + 2:26.5

6 Chiara Teocchi (Centro Sportivo Esercito) +2:32.4

7 Alessia Bulleri (Cycling Café Racing Team) +3:32.6

8 Francesca Baroni (KTM Alchemist Powered Brenta Brakes) +3:58.2

9 Nicole Pesse (Team Rudy Project) +4:22.3

10 Nicole Fede (Guerciotti Development) +4:56.0

CLASSIFICA DONNE UNDER 23:

1 Gaia Realini (Selle Itala Guerciotti)

2 Nicole Pesse (Team Rudy Project)

3 Nicole Fede (Guerciotti Development)

ELITE – Jakob Dorigoni (Selle Italia Guerciotti Elite) torna a vestire la maglia tricolore e si laurea campione italiano di ciclocross nella prova Elite maschile. Il successo è arrivato al termine di una gara spettacolare con un duello esaltante tra Dorigoni e il giovane trevigiano Filippo Fontana (Cs Carabinieri).

I due sono riusciti subito a prendere il largo in testa alla corsa regalando agli spettatori emozioni e colpi di scena. Il primo colpo di scena arriva con un problema meccanico per Dorigoni, costretto a fermarsi e permettere a Fontana di prendere il largo al comando. Poi, la situazione si è clamorosamente invertita con un problema meccanico per Fontana, costretto a sua volta a fermare la sua azione, mentre guidava la competizione. Dorigoni controsorpassa l’aversario scappando verso la vittoria. Lo sfortunato Filippo Fontana, che sarebbe ancora un Under 23, deve accontentarsi della medaglia d’argento, comunque un grande risultato. Medaglia di bronzo per Nicolas Samparisi (KTM Alchemist Powered Brenta Brakes).

Foto di Alessandro Billiani

Dorigoni: “Il nostro CT ha disegnato un percorso molto duro e impegnativo e completo che a ogni curva nascondeva un’insidia e che richiedeva di essere sempre attenti. Ho avuto dei problemi meccanici, poi li ha avuti anche Filippo. Tutti e due abbiamo dovuto fare i conti con la sfortuna, ma alla fine sono riuscito a recuperare e ho vinto e quindi sono contento. Ora spero di essere tra i convocati per il Mondiale e vediamo di fare bene anche in America”.

L’arrivo di Jakob Dorigoni. Foto di Alessandro Billiani

CLASSIFICA ELITE:

1 Jakob Dorigoni (Selle Italia Guerciotti Elite) 1:02:03.2

2 Filippo Fontana (Cs Carabinieri) +37.1

3 Nicola Samparisi (KTM Alchemist Powered Brenta Brakes) +1:05.5

4 Antonio Folcarelli (Race Mountain Folcarelli Team) +1:30.0

5 Nadir Colledani (MMR Factory Racing Team) +1:35.3

6 Luca Braidot (Santa Cruz FSA MTB Pro Team) +2:18.5

7 Cristian Cominelli (Scott Racing Team) +2:33.5

8 Daniele Braidot (Cs Carabinieri) +3:04.2

9 Lorenzo Samparisi (KTM Alchemist Powered Brenta Brakes) +3:45.7

10 Marco Ponta (Fun Bike-Cussigh Bike) +4:21.4

LE DICHIARAZIONI

Proprio il presidente della Federciclismo Cordiano Dagnoni, che oggi non ha voluto mancare all’evento, ha sottolineato: “Con grande piacere sono presente qui oggi perché da sempre penso che il fuoristrada in generale merita grande attenzione e il ciclocross in particolare che sta avendo un grande successo di partecipazione. Noi abbiamo anche Daniele Pontoni nuovo CT del ciclocross che non solo dedica tutta la sua competenza e disponibilità all’attività della Nazionale, ma si impegna tanto anche a livello organizzativo e mi sembrava giusto e significativo gratificare questo grande e bellissimo evento in un momento anche molto particolare e difficile”.

Foto di Alessandro Billiani

Non può che essere soddisfatto il CT azzurro Daniele Pontoni che è stato anche il principale fautore dell’evento: “Siamo molto felici in chiusura di questa tre giorni perché posso dire che tutti i nostri sacrifici sono stati ripagati dall’affluenza di pubblico e di atleti, ma soprattutto abbiamo visto delle gare molto avvincenti con dei vincitori degni della maglia tricolore. Voglio ringraziare tutti i volontari perché senza di loro questa manifestazione non si sarebbe potuta fare. Grazie a DP66 Giant SMP e al Gs Varianese che hanno unito le forze e il risultato è sotto gli occhi di tutti perché abbiamo ricevuto tanti complimenti da tutti. Grazie al Comune di Basiliano, grazie alla Regione Friuli Venezia Giulia che ci sostiene e grazie anche a tutti gli sponsor e a tutte le persone che hanno creduto in questo evento che ha portato in Friuli migliaia di persone per quasi una settimana. Anche sotto l’aspetto turistico siamo molto soddisfatti perché abbiamo riempito molti alberghi, la gente ha conosciuto luoghi del Friuli che non aveva mai visto prima e l’importante per noi è che questa gente ritorni in Friuli non solo come sportiva ma anche come turista”.

DP66 e organizzatori. Foto di Alessandro Billiani

Il presidente della DP66 Giant SMP Michele Bevilacqua dichiara: “Siamo soddisfatti di come sia riuscito questo evento e soprattutto dobbiamo ringraziare tutti i gruppi che ci hanno dato una grand mano e l’Amministrazione comunale di Basiliano. Anche i nostri atleti sono stati formidabili. Quello che volevo e speravo era una maglia nel Team Relay, perché penso che è una gara particolare che esalta lo spirito di squadra e siamo riusciti a portarla a casa. Poi abbiamo vinto anche la maglia individuale con Toneatti e altre medaglie e quindi più di così non si poteva avere”.

TUTTE LE GARE DI DOMENICA SARANNO DISPONIBILI OGGI SU RAI SPORT – Oggi 10 Gennaio, su Rai Sport dalle 19:40, è in programma una lunga serata dedicata ai Campionati Italiani Ciclocross 2022 con un palinsesto televisivo che proporrà in sequenza tutte le gare che si sono disputate nella giornata di oggi, dagli Juniores fino agli Elite. Un appuntamento da non perdere per tutti gli appassionati.

Qui tutte le classifiche: campionati italiani ciclocross 2022

Tutte le informazioni e le classifiche sono disponibili sul sito: campionati italiani ciclocross 2022

Scritto da

[email protected] Ciao amici, la mia avventura con 365 è iniziata casualmente trovando un loro video su YouTube e dopo un periodo al Bike Center Elba, sono stato accolto in redazione diventando “l’uomo viaggio”. Ho una smisurata passione per la Mountain Bike in particolar modo per le discipline Gravity, amo mettermi alla prova e aspiro sempre al massimo con l’intento di raggiungere risultati sempre più esaltanti. 𝐓𝐫𝐚𝐢𝐧 𝐭𝐨 𝐖𝐈𝐍, 𝐑𝐮𝐧 𝐟𝐨𝐫 𝐆𝐋𝐎𝐑𝐘

ARTICOLI CORRELATI

Red Bull UCI Pump Track World Championship Red Bull UCI Pump Track World Championship

Arriva il Campionato Italiano Pump Track

News

e-ENDURO e-ENDURO

Ecco il calendario del circuito e-Enduro 2022

News

VanAert ciclocross VanAert ciclocross

Ciclocross ’22/23: ancora Coppa del Mondo in Val di Sole

News

Advertisement
Connect
ISCRIVITI

iscriviti