fbpx
Connect with us

Coperture

Test Technomousse green constrictor

Le mousse antiforatura sono ormai una soluzione obbligata nelle moderno MTB, vi sono differenti soluzione costruttive. Oggi proviamo il Green Constrictor di Technomousse.

Il massimo sostegno in caso di foratura.

Tecnhmouse è un’azienda che nasce nel 2010 all’interno del gruppo Gnali, da 60 anni leader nello stampaggio di materie plastiche, si  è specializzata da subito  nella realizzazione di inserti per la protezione del cerchio e anti foratura per le discipline dell’off road. Nel 2015 un’altra intuizione ha permesso loro di creare il primo inserto antiforatura senza data di scadenza.

GREEN CONSTRICTOR

Il prodotto in esame è il green constrictor, un ‘salsicciotto’ dalla forma abbondante e dalla grande tenuta. L’analisi statica del prodotto evidenzia una costruzione solida che fa intuire un ottimo potenziale per quel che riguarda il sostegno nel caso in cui si debba procedere dopo aver forato. La forma concava permette un suo utilizzo sia in versione tubeless che con l’inserimento della camera d’aria, soluzione che abbiamo voluto provare in questo test. 

LA PROVA

Il primo esame che si deve effettuare quando si utilizza una mouse è la semplicità di inserimento. Complice anche la struttura solida questo green constrictor si installa facilmente, anche volendo inserire la camera d’arai.

Perché un test con camera?

I motivi per cui ho deciso di provarlo con l’utilizzo della camera d’arai son essenzialmente due, il primo è che in catalogo vi è ormai anche il red Poison, prodotto che sulla carta p più performante nell’utilizzo tubeless, il secondo riguarda invece l’area id utilizzo di questo prodotto, che secondo noi si orienta verso i noleggi di e-bike o l’utilizzo nel cicloalpinismo, attività dove l’utilizzo della camera potrebbe essere ancora vantaggioso.

Qual è il verdetto?

Ho provato questo prodotto per alcune settimane, andando a cercare diverse situazioni, da quelle tipiche del bike park ai sentieri autunnali ricoperti di foglie fino alle condizioni un po’ estreme dei trail innevati. Questo Green Constrictor ha confermato le aspettative per quel che riguarda la protezione e il sostegno in caso di foratura, questo salsicciotto esegue alla perfezione il suo compito risultando forse il miglior inserto nella guida run flat. La struttura massiccia mostra un po’ la corda nella guida in bike park e generalmente quando si vuole accelerare un po’. La struttura laterale un po’ rigida non permette una normale deformazione del copertone diminuendo il feeling nelle curve, nello stesso modo il fatto che aderisca al copertone riduce anche la reattività nell’assorbimento degli urti e la sua scorrevolezza

Si è comportato bene invece quando la velocità si riduce drasticamente, in queste situazioni è in grado di assorbire bene le asperità.

CONCLUSIONI

Abbiamo voluto provare questo prodotti inserendo la camera d’aria pensando che il suo spazio di utilizzo fosse legato ai noleggi. Il risultato ci conferma questa scelta. Infatti, l’affidabilità del prodotto e la sua capacità di portarci a casa in qualsiasi situazione ne fanno un best seller della categoria, perde un po ‘ nelle situazioni più veloci o se vogliamo race oriented, ma in quelle situazioni particolari vi son altri prodotti di casa technomousse che possono soddisfare la voglia di adrenalina

Written By

[email protected] Redattore ed esperto di viaggi in mountain bike. Chiropratico e personal trainer, da anni al seguito di alcuni dei più forti interpreti nazionali dell'enduro mtb.

All’alba Pedalerò! Pedalerò! Pedalerò!

A Ruote Ferme

Chi va piano va sano e si diverte

A Ruote Ferme

Test fisiologici: F.T.P. e WINGATE

A Ruote Ferme

I test necessari per cominciare una preparazione atletica

A Ruote Ferme

Advertisement
Connect