fbpx
Connect with us

La nostra redazione

Advertisement

Insights

Roam Bike Fest: una comunità al femminile mossa dalla passione per la mountain bike

Ecco chi sono le “Lady Shredders”, le visionarie americane ideatrici del Roam Fest svoltosi per la prima volta a Sedona, in Arizona, nell’ottobre 2017. Sebbene il suo spirito fosse certamente rivoluzionario già all’epoca, l’attenzione si è presto spostata per raggiungere le donne delle comunità che sono state tradizionalmente escluse dalla mountain bike.

Roam Fest
©Brenda Ernst

Cosa significa essere veramente inclusivi? Lo dimostrano Ash e sua moglie Andi Zolton, fondatrici del Roam Fest che nel 2017 in Arizona crearono uno spazio per accoglie gruppi di donne, biker emarginate e genderqueer proclamando così la bicicletta strumento di inclusione e divertimento.

I tre giorni di Bike Festival orientati al mondo femminile tra  musica, bici e danze è un esempio di rivoluzione inclusiva di successo.

L’evento presenta più di 100 tour in bicicletta tra bike-test, scuola di bici, proiezioni di film d’avventura, tavole rotonde e momenti di convivialità; I principali sponsor sono Specialized, Sram, Pivot, Mac-Off, Rocky Mountain e Liv.

“I primi Roam Fest sono stati semplicemente sorprendenti perché erano uno degli unici spazi dedicati alle donne in mountain bike per divertirsi, ma si sentiva ancora come una festa di mountain bike più tradizionale”, ha detto Paz Chinchilla, un veterano dell’industria di lunga data. “Ma nel 2021 lo hanno portato al livello successivo. La comunità è diventata molto più grande, più inclusiva e diversificata.”

Con le prime edizioni le fondatrici si sono concentrate a raccogliere feedback per poi spostarsi ad investire proattivamente e a livello internazionale apportando cambiamenti sistemici al funzionamento del festival.  Hanno creato una borsa di studio BIPOC (di supporto a neri, indigeni, persone di colore) con l’impegno di riservare il 20% delle registrazioni alle donne di colore contribuendo inoltre a finanziare il costo di registrazione e campeggio per le persone bisognose.

“Questa scelta non era prevista, abbiamo messo il carro davanti ai buoi, non avevamo stanziato fondi per questo, è stato fin troppo semplice” dice Andi Zolton, partner di Ash nella vita e negli affari. “E’ stato come avere un bambino, non sei mai pronto ma inizi a farlo, bisognava solo che accadesse.”

Andi Zolton
Andi Zolton è specializzata nell’Enduro, Cross Country, E-MTB, Cyclocross e Trail.

Da li c’è stato un altro cambiamento: assumere personale più diversificato, persone senza particolari esperienze con la mountain bike ma con le competenze necessarie per mettere su un evento di livello mondiale. “Il personale gioca un ruolo centrale nel creare l’atmosfera accogliente e questo fa la differenza.”

“Diciamo al nostro staff: se vedi qualcuno in panchina, da solo o che non si sta divertendo, vai da quella persona, invitala a fare qualcosa e falla sentire a casa.”

Roam Fest
©Brenda Ernst

“Le tre regole per organizzare un buon evento, e spero che la gente lo rubi, sono: non lasciate che la gente soffra la fame, non lasciate che la gente abbia sete, e non lasciate mai che la musica si fermi.” Se hai frequentato il Roam, sai che la musica non si ferma mai dalla prima sessione di yoga del mattino fino a quando la festa di danza si ferma. “L’atmosfera è una parte incredibilmente importante di un evento.”

Roam is the future.
Scritto da

La bicicletta è entrata nella mia vita come una storia d’amore il il 31 luglio del 2015 quando mi hanno messo su una bici da freeride, una maglia xl, un casco e via la prima discesa. Da li è stato tutto un “pedalare” tra passione, odio, pianti e risate fino a scoprire i miei limiti e i miei desideri più profondi. Era in arrivo una laurea in economia dell’ambiente, tesi sulla Sharing Economy. In quel periodo gestivo un Airbnb in Abruzzo, il vivere quegli spazi verdi e quelle montagne ha fatto accendere una lampadina che mi ha illuminata su ciò che volevo veramente fare: la guida cicloturistica. Da allora non mi perdo una fiera, una gara, un festival e iniziative di bici. Nella fatal Verona nasce la collaborazione con 365 MTB, da qui comincia la strada che mi porterà fino al bike center dell’Isola d’Elba.

ARTICOLI CORRELATI

cingolani shop cingolani shop

Specialized entra in società con Cingolani Shop

News

pivot nove mesto pivot nove mesto

[VIDEO] 2022 Nove Mesto MTB World Cup Preview

News

specialized specialized

Specialized assume l’ex CEO di Canyon Armin Landgraf

News

ISCRIVITI

iscriviti

NORMATIVA DEONTOLOGICA - NORMATIVA FACT CHECKING - CORREZIONI
365mountainbike è una testata giornalistica registrata al tribunale civile e penale di Verona in data 10/01/2012
Copyright © 2019 | 365 sport srl (04835100233)
via Brenta, 7 - 37057 San Giovanni Lupatoto (VR)

© 365 sport srl Tutti i diritti riservati. Gli articoli contenuti nel sito non possono essere copiati o riprodotti con altri mezzi senza una licenza concessa dell'autore. La riproduzione pubblica di un contenuto del sito, in tutto o in parte, con qualsiasi mezzo, senza l'espressa autorizzazione scritta dall'autore, è vietata.

Connect
ISCRIVITI

iscriviti