Connect with us

La nostra redazione


Insights

Luca Braidot e 2 segreti del suo successo: Omstrip e Bite

Luca Braidot ha fatto un salto di qualità e abbiamo scoperto che da questo 2022 ha cominciato ad usare varie “tecnologie”. Andiamo ad analizzarle.

Luca Braidot
Luca Braidot UCI XCO World Cup in Lenzerheide, Switzerland - ©Bartek Wolinski / Red Bull Content Pool

Luca Braidot è entrato nella storia: è l’unico italiano ad aver vinto 2 prove di coppa del mondo mtb.

Hai notato quell’apparecchio in bocca a Luca Braidot?

Stories di Luca Braidot su Instagram Martedì 19 Luglio

In questo 2022 Luca Braidot ha fatto un salto di qualità, osservando le sue foto in azione abbiamo potuto notare che si sta avvalendo del supporto di alcune tecnologie che anno il compito di ottimizzare il funzionamento del corpo dal punto di vista muscolo scheletrico, scopriamo assieme.

Di OmStrip ne abbiamo già parlato, preparando anche un report dopo l’utilizzo sul campo che potrai leggere QUI. Questa volta invece vogliamo analizzare melgio la funzione del Bite.

luca braidot omstrip
Luca Braidot dopo la vittoria in Coppa: si notano bene i nastri omstrip

Cos’è il bite?

Se di Omstrip abbiam già parlato ampiamente avendo modo anche di verificare quali fossero i benefici, il Bite è uno strumento semplice nella sua struttura, ma complesso nella sua efficacia e soprattutto nella sua costruzione.

Immagine di un Bite

Vediamo assieme di cosa si tratta. Semplificando al massimo il concetto, il bite è un dispositivo che si inserisce in bocca e che contribuisce a migliorare la masticazione e l’allineamento della mandibola. Detto così potrebbe sembrare un elemento inutile, ma da diversi anni è stato appurato che la corretta dislocazione della mandibola agisce in modo importante sull’intero sistema posturale del nostro corpo; quindi un disallineamento dei questa può creare degli adattamenti a livello del cingolo scapolare e del bacino che possono tradursi in una minor efficacia del gesto atletico, diminuzione della forza massima e sovraccarico di alcune articolazioni. Quest’ultima problematica nelle situazioni più gravi rischia di essere debilitante, rallentando i tempi di recupero fra i diversi carichi di lavoro, diminuendo così la capacità di allenamento dell’atleta.

Spesso il bite viene utilizzato anche per correggere un disallineamento che nella vita quotidiana è alla base di dolori al collo o al tratto lombare. una condizione che riduce la qualità della vita e che in un atleta può ridurre la motivazione e la possibilità di allenarsi al massimo.

Bite standard o personalizzato?

Abbiamo visto quale possa essere l’importanze dell’utilizzo di un bite nella pratica sportiva, ma come ci si deve avvicinare questo mondo? Il corpo umano è una macchina meravigliosa, complessa e unica nel suo genere. anche ogni individuo ha caratteristiche diverse, per cui personalmente preferisco consigliare l’utilizzo di un dispositivo che sia realizzato sulle specifiche esigenze personali. questo perchè il suo ruolo può avere effetti potenti sul nostro sistema muscolo scheletrico, che e non calibrati nel giusto modo possono trasformare l’opportunità di miglioramento in un attrezzo che può produrre problemi ancora più gravi.

Per cui l’iter dovrebbe essere quello di affidarsi ad un dentista specializzato, con il supporto di un chiropratico che valuti la postura e che supporti i vari step, aiutando gli adattamenti del proprio corpo.

I dettagli che fanno la differenza

La World Cup è oramai arrivata ad un livello di competitività altissimo, dove ogni è necessario passare al vaglio ogni singolo dettaglio, sia tecnico, che soprattutto fisico. Non è più sufficiente il solo allenamento, è necessario avere a disposizione una serie di dati, fra cui anche quelli posturali che permettano di calibrare ancora meglio i carichi di lavoro.



Scritto da

[email protected] Redattore ed esperto di viaggi in mountain bike. Chiropratico e personal trainer, da anni al seguito di alcuni dei più forti interpreti nazionali dell'enduro mtb.

ARTICOLI CORRELATI

Allenamento: 3 modi per utilizzare lo stretching

Insights

David Valero Serrano David Valero Serrano

Coppa del Mondo XCO Snowshoe: Valero firma la prima! Braidot 3°

News

Luca Braidot Snowshoe Luca Braidot Snowshoe

Che coperture ha usato Luca Braidot per le sue imprese in Coppa?

News

NORMATIVA DEONTOLOGICA - NORMATIVA FACT CHECKING - CORREZIONI
365mountainbike è una testata giornalistica registrata al tribunale civile e penale di Verona in data 10/01/2012
Copyright © 2019 | 365 sport srl (04835100233)
via Brenta, 7 - 37057 San Giovanni Lupatoto (VR)

© 365 sport srl Tutti i diritti riservati. Gli articoli contenuti nel sito non possono essere copiati o riprodotti con altri mezzi senza una licenza concessa dell'autore. La riproduzione pubblica di un contenuto del sito, in tutto o in parte, con qualsiasi mezzo, senza l'espressa autorizzazione scritta dall'autore, è vietata.

Connect