Connect with us

La nostra redazione


Insights

Cos’è l’enduro per Iago Garay?

Iago Garay è un rider che frequenta l’ews dal 2013, vediamo come è riuscito a mantenere l’entusiasmo per tutti questi anni e come ha visto cambiare il movimento enduristico.

Il pilota professionista spagnolo Iago Garay (Santa Cruz X SRAM Racing) è nel circuito EWS dal 2013. UN Abbiamo chiesto a Lago come è cambiato lo sport da allora e come riesce a rimanere positivo anche nelle giornate più difficili tra i nastri.

EWS: Hai corso l’EWS sin dall’inizio della disciplina nel 2013. Cosa ti ha avvicinato allo sport dell’enduro?

Iago Garay: All’epoca ero un corridore di downhill, ma avevo preso parte a numerose gare “in stile avalche” che si svolgevano su normali bici da trail. Quindi immagino che tu possa dire che stavo correndo su bici da enduro prima che fossero ampiamente chiamate così. Quando è stato annunciato l’EWS, è stato molto naturale per me provare. Avevo già esperienza di gare sulla mia bici da trail e avevo una configurazione in cui mi sentivo a mio agio.
Ho fatto una gara di enduro locale, una coppa di Spagna, e poi sono andato dritto in mezzo al terzo round dell’EWS a Les Deux Alpes nel 2013. C’era molto da imparare , ho deciso di fare un’altra prova al sesto round dell’anno, a Whistler e mi sono divertito moltissimo.


EWS: A che punto hai deciso di dedicarti all’enduro? È stata una scelta difficile da fare?

Iago Garay: A quel punto, mi stavo piazzando più o meno nello stesso sia nelle coppe del mondo di discesa che in EWS. Volevo scegliere una disciplina, concentrare il mio allenamento e impegnarmi per l’intera stagione. Non sapevo davvero cosa fare, quindi ho parlato con i miei sponsor, Santa Cruz Bicycles. Erano davvero ansiosi di farmi partecipare a tutti i round EWS. Da allora ho corso ogni singolo round EWS.
EWS: Come descriveresti la progressione dell’enduro da allora, dieci anni fa?

Iago Garay: È stato davvero bello vedere lo sport crescere dall’interno. L’enduro è diventato uno sport d’élite. Le regole, l’allenamento, le bici, l’attrezzatura… Tutto è progredito così rapidamente.

Tuttavia, nonostante la crescita dello sport e la crescente professionalità, i rapporti tra i corridori non sono cambiati. Lo spirito di divertirsi in montagna è ancora lì. Tra una registrazione e l’altra, è il momento del gioco e tutti sono competitivi, ma prima e dopo tutti fanno battute, si aiutano a vicenda e condividono cibo e pezzi di ricambio. Questo è ciò che lo rende speciale. Anche se è una giornata davvero dura di gare, è comunque bello essere fuori a pedalare con i tuoi amici.


EWS: Hai dovuto adattare le tue abilità e il tuo allenamento per adeguarti alla progressione di questo sport?

Iago Garay: All’inizio dell’EWS, dolevi solo avere una giornata di gara costante. Non dolevi essere aggressivo o rischiare troppo, perché spesso le competizioni erano su più giorni. Attualmente, con gare per lo più di un giorno e percorsi più brevi ed esplosivi, è molto più intenso.
EWS: Se potessi, faresti qualche cambiamento all’attuale direzione dello sport?

Iago Garay: È difficile. Mi manca il periodo in cui ogni gara era enormemente diversa dall’altra. Quindi, per rispondere alla domanda, forse proverei a includere qualche nuovo località in più ogni anno


EWS: Sembri un pilota che si diverte sempre alle gare. Qual è la tua chiave per divertirti durante una gara?

Iago Garay: A volte è difficile mantenere un atteggiamento positivo quando stai lottando in una gara, ma basta una battuta divertente o un fantastico tratto di pista per rimettere le cose in carreggiata. Amo andare in bicicletta e amo andare in posti nuovi, quindi per me anche essere a una gara è già una vittoria.
EWS: Sei stato in grado di portare la stessa mentalità nella stagione 2022? Come sono andate le gare per te finora?

Iago Garay: Sì! Il primo round in Scozia non è andato benissimo per me con un po’ di sfortuna e un grande incidente, ma amavo la tappa e la folla, quindi ho concluso la giornata con un grande sorriso! Immagino che anche la vittoria di Ella sia stata una parte importante di questo… ahahah.


EWS: Successivamente andremo a Whistler, che è un luogo molto familiare e che ti è piaciuto in passato. Cosa ci vuole per fare bene lì?

Iago Garay: Adoro Whistler!! È una location completamente diversa da quella che vediamo in Europa. I trail sono molto più fluidi, non c’è molto da frenare per tornanti stretti o curve piane. Direi che la velocità media delle piste è più alta, quindi devi sentirti a tuo agio andando molto veloce tra gli alberi. Devi anche essere in grado di leggere molto bene il terreno in modo da poter trovare una linea morbida dove puoi pompare o superare le buche perché i sentieri non sono lisci.
EWS: Dopo Whistler, abbiamo due nuovissime fermate nel nord-est degli Stati Uniti (Burke e Sugarloaf). Sei entusiasta di gareggiare in nuovi luoghi?

Iago Garay: Come ho detto prima, ciò che mi ha portato alle corse EWS sono tutte le nuove sedi. Sono super entusiasta di dare un’occhiata alla costa orientale degli Stati Uniti e cosa hanno in serbo per noi queste due nuove sedi. Sento che sarà diverso da come abbiamo corso in passato.

Se vuoi tenerti aggiornato con Iago mentre gira il mondo per andare in bicicletta, puoi seguirlo su Instagram qui.



Scritto da

[email protected] Redattore ed esperto di viaggi in mountain bike. Chiropratico e personal trainer, da anni al seguito di alcuni dei più forti interpreti nazionali dell'enduro mtb.

ARTICOLI CORRELATI

jolanda neff mont sainte anne jolanda neff mont sainte anne

Coppa del Mondo XC: Martina Berta 4° posto a Mont Saint Anne

News

martin-vidaurre-petropolis martin-vidaurre-petropolis

Nessuna sorpresa a Mont Sainte Anne U23: vince Martin Vidaurre

News

Sara Cortinovis Sara Cortinovis

Sara Cortinovis terza classificata a Mont Sainte Anne U23

News

NORMATIVA DEONTOLOGICA - NORMATIVA FACT CHECKING - CORREZIONI
365mountainbike è una testata giornalistica registrata al tribunale civile e penale di Verona in data 10/01/2012
Copyright © 2019 | 365 sport srl (04835100233)
via Brenta, 7 - 37057 San Giovanni Lupatoto (VR)

© 365 sport srl Tutti i diritti riservati. Gli articoli contenuti nel sito non possono essere copiati o riprodotti con altri mezzi senza una licenza concessa dell'autore. La riproduzione pubblica di un contenuto del sito, in tutto o in parte, con qualsiasi mezzo, senza l'espressa autorizzazione scritta dall'autore, è vietata.

Connect