Connect with us

La nostra redazione

365mountainbike
ItalianEnglish

Insights

Chi è Emil Johansson, il prodigio dello Slopestyle?

Le magnifiche vittorie del prodigio svedese Emil Johansson e la misteriosa malattia da cui è afflitto tutt’ora.

Emil Johansson
Emil Johansson - ©Scott Serfas / Red Bull Content Pool

Emil Johansson nasce a Trollhättan in Svezia il 20 giugno 1999 e fin da bambino inizia a girare in bici. Si fa notare nel 2017 quando, praticamente da adolescente, vince il FBM World Tour. Ma proprio poco tempo dopo, gli viene diagnosticata una malattia.

Johansson era uno dei talenti della MTB nel 2017: giovanissimo e con un talento smisurato. Ma era perseguitato, inizialmente, da un forte mal di schiena e una fatica inusuale. Poi le cose sono degenerate tanto da non riuscire nemmeno a restare seduto per più di 10 minuti a causa del dolore insopportabile.

Emil Johansson
Emil Johansson – ©Bartek Wolinski / Red Bull Content Pool

Emil inizia a lavorare con il supporto dell’allenatore Lenz Westner e di un fisioterapista per cercare di recuperare la forma fisica perduta ma la situazione si fa sempre più difficile, visto che la dottoressa Christine Bachmann risconta qualche problema alla colonna vertebrale.

Johansson continua a lamentare un’insolita stanchezza, è soggetto a frequenti malattie con febbre alta e sudorazione freddo. Finalmente i dottori gli diagnosticano il virus Epstein-Barr: tale virus provoca malessere, debolezza e dolori mentre la malattia di Hashimoto causa di un’infiammazione cronica che spinge il corpo ad una elevata produzione di anticorpi che vanno ad attaccare la tiroide.

Al termine della stagione 2018 Emil prende incredibilmente parte alla Red Bull Joyride chiudendo addirittura al quarto posto e tagliando il traguardo in lacrime: “È stato un anno molto duro, Non pensavo di poter gareggiare di nuovo, ma eccomi qui” le sue parole all’arrivo.

Il virus Epstein-Barr e la malattia di Hashimoto sono ancora presenti nel suo corpo ma vengono trattate grazie ad un’alimentazione specifica, fisioterapia e con medicinali. Il ritorno in sella è raccontato in un documentario di Red Bull TV dal titolo “The Come Back” (ecco il video qui sotto).



Scritto da

davide.finetto@365mountainbike.it Sono un appassionato di tutto ciò che ha 2 ruote: in età giovanile ho praticato agonisticamente il ciclismo su strada e su pista (campione Italiano Allievi). All'età di 18 anni sono passato nel cross country gareggiando a livello nazionale/internazionale come Under23. Passato Elite, ho fatto la scelta di prendere le cose più alla leggera dal punto di vista dell'allenamento, ed ecco che è nato l'amore per le discipline gravity, formandomi come maestro e guida FCI MTB. Ora ho fatto della mia passione la mia professione gestendo 2 centri MTB all'isola d'Elba (Bike Center Elba ed Elba MTB), creando il FANTAmtb e raccontando in modo ironico, ma professionale, tutto quello che ruota attorno alla MTB grazie a 365mountainbike e 365tv (YouTube 'PULITI dentro BIKER fuori').

ARTICOLI CORRELATI

Pedroni Race (2) Pedroni Race (2)

PEDRONI RACE: il Made in Italy di cui andare fieri

365tv

Franceso Casagrande smette: ecco la sua favolosa carriera

Insights

Testa Torquato Testa Torquato

Le preoccupazioni di un’atleta Slopestyle al District Ride

News

Advertisement

NORMATIVA DEONTOLOGICA - NORMATIVA FACT CHECKING - CORREZIONI
365mountainbike è una testata giornalistica registrata al tribunale civile e penale di Verona in data 10/01/2012
Copyright © 2019 | 365 sport srl (04835100233)
via Brenta, 7 - 37057 San Giovanni Lupatoto (VR)

© 365 sport srl Tutti i diritti riservati. Gli articoli contenuti nel sito non possono essere copiati o riprodotti con altri mezzi senza una licenza concessa dell'autore. La riproduzione pubblica di un contenuto del sito, in tutto o in parte, con qualsiasi mezzo, senza l'espressa autorizzazione scritta dall'autore, è vietata.

Connect