Connect with us

La nostra redazione


Insights

Brook Macdonald ricorda Steve Smith, la leggenda del Downhill

Intervista toccante a Brook Macdonald riguardo Steve Smith, la leggenda del downhill canadese.

Brook Macdonald e Steve Smith
©Red Bull Content Pool

Prima dell’uscita del film Long Live Chainsaw su Red Bull TV, Brook Macdonald ricorda il suo amico, ex compagno di squadra e compagno di mountain bike di downhill, il leggendario Stevie Smith.

Scarica l’app gratuita Red Bull TV e guarda Long Live Chainsaw, oltre ad altri fantastici contenuti sulle bici, su tutti i tuoi dispositivi!

TRAILER LONG LIVE CHAINSAW

È stato a Leogang, in Austria, nel 2013, quando Stevie Smith ha fatto la storia diventando il primo canadese ad essere incoronato campione assoluto della Coppa del mondo di downhill mountain bike UCI.

Il quattro volte vincitore dei prove di Coppa del Mondo e medaglia d’argento ai Campionati del Mondo (2010) e medaglia di bronzo (2012) era ancora al top quando è scomparso il 10 maggio 2016, in un incidente in moto da enduro nella sua città natale di Nanaimo, nel Regno Unito. Colombia. Aveva appena 26 anni.

Il film Long Live Chainsaw esplora la vita e la tenacia di Steve Smith il quale dimostra come, con talento e impegno, si può arrivare ovunque. Il film è la celebrazione di un atleta che non solo era uno dei migliori in questo sport, ma era rinomato per la sua personalità accattivante e il grande carisma.

Red Bull ha pubblicato un’intervista al suo ex compagno di squadra nonchè atleta redbull: vale a dire Brook Macdonald, neozelandese, che era anche uno dei migliori amici di Smith sul circuito di Coppa del Mondo.

Com’era il tuo rapporto con Stevie?

Brook Macdonald: Ho conosciuto Stevie abbastanza presto nella mia carriera. Sono stato fortunato ad unirmi a lui nella stagione 2010 [ndr, sono stati compagni di squadra del team austriaco MS Evil per una stagione]. Stevie ed io eravamo molto in sintonia. Quando ci siamo incontrati per la prima volta avevamo molti degli stessi interessi per le cose. Che poi erano interessi semplici, come l’adorare la bicicletta. Come me.

Avevamo questo grande legame l’uno con l’altro. Stevie è passato a un’altra squadra nel 2011, ma abbiamo mantenuto una grande amicizia. È lì che la sua carriera è decollata. Ha iniziato a essere un rider costante da podio e stava vincendo le tappe di Coppe del Mondo. È diventato l’uomo da battere. Era così deciso a fare carriera con la mountain bike e mi sentivo esattamente come lui. Avevamo gli stessi obiettivi.

Steve Smith - Action
Steve Smith a Leogang 2013 – ©Fabio Piva / Red Bull Content Pool

Qual era la sua reputazione nello sport prima di incontrarlo?

Ho corso la mia prima stagione di Coppa del Mondo nel 2008 e l’ho incontrato brevemente a Fort William, in Scozia. Ero seduto sugli spalti e mi chiedevo solo chi fosse questo ragazzo. Sembrava abbastanza legittimo. L’avevo visto in alcuni film di mountain bike, quindi ho avuto una breve comprensione di chi fosse questo ragazzo e del talento che aveva, ma non sapevamo dove lo avrebbe portato.

Cosa ti ha colpito di lui?

Veniva da una piccola isola del Canada e non aveva molto a livello di denaro. Neanch’io provengo da una famiglia ricca. I miei genitori hanno sacrificato molto per portarmi all’estero in modo da poter crescere. Penso che entrambi abbiamo apprezzato le piccole cose della vita e che ci sono state date opportunità del genere, e penso che entrambi volevamo fare tutto il possibile per fare emergere la nostra carriera.

brook-macdonald-custom-stevie-stevie-helmet
Macdonald ha corso con un tributo di Steve Smith sul casco in passato – © Stacy Glaser

Com’era il tuo rapporto con lui fuori dalla bici?

Nel 2010 abbiamo passato tanti bei momenti. Abbiamo fatto un sacco di feste. Ma ci piaceva anche lavorare sodo e giocare duro. Il mio ricordo più bello è quando sono volato in Canada per girare con lui il film Unreal di Anthill Films. Mi sono catapultato dentro al progetti letteralmente: il giorno prima della partenza eravamo a Whistler in un bar e ci siamo svegliati tardi con le persone che ci chiamavano dicendoci che dovevamo essere in viaggio (le riprese duravano 10 giorni). Non ricordavo molto della notte e dovevamo guidare quattro/cinque ore. Quella era solo la personalità di Stevie: saltare giù dall’aereo, dritto in una grande serata e dritto in 10 giorni di riprese. Sempre full gas. Abbiamo passato dei bei momenti.

Ricordi qualche consiglio che Stevie ti ha dato?

Non ricordo esattamente un consiglio che mi abbia dato, ma penso che sia stato proprio come se il suo atteggiamento mi avesse cancellato e sono stato influenzato da quello che ha fatto durante la sua carriera. Quando eravamo nella stessa squadra, sono stato sicuramente molto influenzato da lui. Quando i suoi risultati hanno iniziato a mostrare che tipo di pilota era, in seguito, ho continuato ad ammirarlo.

Steve Smith - Action
Steve Smith a Leogang 2013 – ©Fabio Piva / Red Bull Content Pool

Dove pensi che Stevie sarebbe oggi se fosse ancora con noi?

Sarebbe stato un pluricampione assoluto di Coppa del Mondo, probabilmente anche un Campione del Mondo. E sarebbe rimasta la stessa persona che era quando ci ha lasciati. Era decisamente sulla buona strada per diventare uno dei più grandi piloti di tutti i tempi. E uno dei più grandi canadesi di tutti i tempi. Sarebbe ancora nella fascia alta dello sport. Sarebbe sempre stato lo stesso Stevie che era: solo in sella alla sua bicicletta, lavorando sodo e guidando ancora più duramente.

Infine, quando pensi a lui oggi, come ti senti?

Stevie ha vissuto la sua vita al massimo. Penso che probabilmente non c’era altro modo in cui volesse vivere. Il modo in cui ci ha lasciati è stata una merda, ma era su due ruote, a godersi la vita. È difficile non pensare a lui e pensare a dove sarebbe oggi e cosa starebbe facendo. È una di quelle cose; quando qualcuno ti viene portato via, apprezzi un po’ di più la vita. Ma Stevie ha sicuramente vissuto la sua vita e ha ottenuto un sacco di cose.

COME VEDERE LONG LIVE CHAINSAW?

Scarica l’app gratuita Red Bull TV e guarda Long Live Chainsaw, oltre ad altri fantastici contenuti sulle bici, su tutti i tuoi dispositivi!



Scritto da

[email protected] Sono un appassionato di tutto ciò che ha 2 ruote: in età giovanile ho praticato agonisticamente il ciclismo su strada e su pista (campione Italiano Allievi). All'età di 18 anni sono passato nel cross country gareggiando a livello nazionale/internazionale come Under23. Passato Elite, ho fatto la scelta di prendere le cose più alla leggera dal punto di vista dell'allenamento, ed ecco che è nato l'amore per le discipline gravity, formandomi come maestro e guida FCI MTB. Ora ho fatto della mia passione la mia professione gestendo 2 centri MTB all'isola d'Elba (Bike Center Elba ed Elba MTB), creando il FANTAmtb e raccontando in modo ironico, ma professionale, tutto quello che ruota attorno alla MTB grazie a 365tv.

ARTICOLI CORRELATI

Steve Smith - Action Steve Smith - Action

Le 3 discese Dowhill più memorabili a Mont Sainte Anne

News

1997-bonazzi-corrado-herin 1997-bonazzi-corrado-herin

Compiva gli anni Corrado Herin, vincitore della Coppa del Mondo DH 1997

Insights

David Valero Serrano David Valero Serrano

La storia di David Valero: il biker spagnolo vittorioso a Snowshoe

Insights

NORMATIVA DEONTOLOGICA - NORMATIVA FACT CHECKING - CORREZIONI
365mountainbike è una testata giornalistica registrata al tribunale civile e penale di Verona in data 10/01/2012
Copyright © 2019 | 365 sport srl (04835100233)
via Brenta, 7 - 37057 San Giovanni Lupatoto (VR)

© 365 sport srl Tutti i diritti riservati. Gli articoli contenuti nel sito non possono essere copiati o riprodotti con altri mezzi senza una licenza concessa dell'autore. La riproduzione pubblica di un contenuto del sito, in tutto o in parte, con qualsiasi mezzo, senza l'espressa autorizzazione scritta dall'autore, è vietata.

Connect