fbpx
Connect with us

La nostra redazione


Insights

Bike To Life: la storia di Jonna Johnsen

Jonna Johnsen, ambasciatrice di Mondraker, è una ciclista danese che ha superato il cancro grazie al suo impegno, al suo amore per la vita e alla sua passione per il ciclismo.

jonna johnsen mondraker

La storia di Jonna non è una storia convenzionale. Una storia che agita, ma allo stesso tempo, dà forza per vivere la vita con intensità. Così Jonna ci racconta, in prima persona, la sua esperienza.

La storia di Jonna non è una storia convenzionale. Questa danese natta nel 1992 iniziò nel mondo delle BMX riuscendo ad essere campionessa danese e scandinava della disciplina. Dopo la BMX, ha provato modalità come Enduro e DH in cui le sue partecipazioni alle Coppe del Mondo EWS e UCI DH negli ultimi anni sono state il suo stile di vita da allora.

In una competizione ha incontrato Manuel, un pilota messicano che l’ha invitata ad andare in vacanza nel suo paese. Lì si innamorò del paese, e anche di esso. Dal 2019 vive in Messico circondata da biciclette mtb. Fu anche lì che gli fu diagnosticato un cancro, che superò grazie alla sua voglia di vivere, al supporto di Manuel e alla sua passione per il ciclismo.

Una storia che agita, ma allo stesso tempo, dà forza per vivere la vita con intensità. Così Jonna ci racconta, in prima persona, la sua esperienza:

QUALSIASI GIORNO

Ho scoperto di avere il cancro mentre ero in Messico, dopo aver fatto controllare un nodo alla gola. È stato un duro colpo. “Sto morendo?” – è l’unica cosa a cui pensi all’inizio. Dopo questo dici “no” e poi “come faccio a dirlo alla mia famiglia?” . Spiegarlo alla mia famiglia in Danimarca in videochiamata è stata la cosa più difficile che abbia mai fatto in vita mia. Sono volato in Danimarca, e dopo due settimane di molteplici studi e scansioni, ho avuto la mia diagnosi finale, con la rassicurante notizia del medico che “le mie possibilità di recupero erano buone”, con il pensiero immediato, “Ce la farò!”

IL TRATTAMENTO

La chemioterapia è una strana sfida. Ti toglie tutta l’energia e allo stesso tempo ti sta salvando la vita, sembra lentamente farti a pezzi. Dovevo trovare la tranquillità per rallentare la vita, dormire abbastanza per riprendermi e ricordarmi di continuare a mangiare bene per alimentare la lotta che avevo dentro.

E non lo sapevo, ma ogni persona riceve il proprio “cocktail” di chemioterapia, specifico per il tipo di cancro, lo stato e la salute fisica generale. Ho avuto 3 giorni consecutivi di chemioterapia ogni 2 settimane, per 6 trattamenti. Circa 8 ore di chemio e anticorpi alla volta, pillole per la chemio, iniezioni di richiamo del midollo osseo e diverse pillole anti-nausea e antibiotici per aiutare le difese, perché la chemio distrugge il sistema immunitario.

LA POTENZA DELLA BICI

Ho avuto la fortuna di poter ancora pedalare un po ‘mentre ero in trattamento completo, il che ha reso più facile tutto quel tempo. Inoltre, la mia famiglia e i miei amici sono stati molto solidali,

si sono presi il tempo di fare passeggiate che mi aspettavano e mi hanno persino trainato per trascorrere una fantastica giornata nei boschi prima della mia ultima chemioterapia. Sono rimasto un po’ sorpresa da quanto debole mi lasciasse la chemio, ma la tecnica era ancora lì; quindi, “solo” ho dovuto ritrovare forza e fiducia. In un certo senso, tornare sulla mia bici è stato come un promemoria che tutto il bene doveva ancora venire.

TUTTO A POSTO

Quando mi è stato detto, è stato un sollievo! Mi aspettavo di ricevere quella notizia a dicembre 2020, ma il mio scanner PET non era al 100%, quindi ho dovuto aspettare altri 2 mesi. Mi ero preparato per le cattive notizie, quindi quando il dottore mi ha detto “tutto sembra a posto”, ho dovuto chiedere se ciò significava che ero libero dal cancro. Ha detto di sì. Penso che mia madre abbia reagito positivamente più di me, ma posso anche immaginare quanto sia stato difficile per lei in quel momento. Avere intorno a te persone che si preoccupano è al tempo stesso difficile, perché non vuoi essere la ragione di quel dolore, e un sollievo avere persone care che ti fanno sentire felice, amata e motivata durante tutto il processo!

RITORNO ALLA NORMALITÀ

Mi è sempre piaciuta la sensazione di uscire e pedalare. E dal giorno in cui ho pedalato di nuovo dopo essere stato in ospedale, mi ha dato energia extra per l’intero processo. Il ritorno alle corse è arrivato con un sacco di nervi, ansia e il desiderio di fare bene. Ero al mio meglio appena prima che tutto questo accadesse; quindi, era difficile non spingermi e aspettarmi di nuovo lo stesso livello da me stesso. Ma il recupero richiede tempo.

Ho iniziato a correre e ho corso la mia prima coppa del mondo DH e l’EWS con soli 4 mesi senza cancro. E mentre è stato difficile, è stato anche incredibile. Luoghi da sogno, sentieri fantastici, incontrare persone fantastiche e poter lottare per seguire le donne più veloci del mondo. Sempre alla ricerca del meglio di me stessa e perseguendo i miei obiettivi in bicicletta. La vita intorno alla bici mi ha regalato così tanti bei ricordi, amicizie e avventure, che non riesco a immaginare come sarebbe stata la mia vita senza la bici.

Scritto da

[email protected] Sono un appassionato di tutto quello che ha 2 ruote: in età giovanile ho praticato agonisticamente il ciclismo su strada e su pista (campione Italiano Allievi). All'età di 18 anni sono passato nel cross country gareggiando a livello nazionale/internazionale come Under23. Passato Elite, ho fatto la scelta di prendere le cose più alla leggera dal punto di vista dell'allenamento, ed ecco che è nato l'amore per le discipline gravity, formandomi come maestro e guida FCI MTB. Ora ho fatto della mia passione la mia professione gestendo 2 centri MTB all'isola d'Elba (Bike Center Elba ed Elba MTB), creando il FANTAmtb e raccontando in modo ironico, ma professionale, tutto quello che ruota attorno alla MTB grazie a 365tv.

ARTICOLI CORRELATI

Bex Barona Bex Barona

[VIDEO] Perché guidi una MTB? Tu, cosa risponderesti?!

News

Myriam Nicole Myriam Nicole

Myriam Nicole e le sue impressioni prima di Lenzerheide

News

emmeline ragot emmeline ragot

Windham 2012, la pista che mise in crisi le Donne Elite

Insights

ISCRIVITI

iscriviti

NORMATIVA DEONTOLOGICA - NORMATIVA FACT CHECKING - CORREZIONI
365mountainbike è una testata giornalistica registrata al tribunale civile e penale di Verona in data 10/01/2012
Copyright © 2019 | 365 sport srl (04835100233)
via Brenta, 7 - 37057 San Giovanni Lupatoto (VR)

© 365 sport srl Tutti i diritti riservati. Gli articoli contenuti nel sito non possono essere copiati o riprodotti con altri mezzi senza una licenza concessa dell'autore. La riproduzione pubblica di un contenuto del sito, in tutto o in parte, con qualsiasi mezzo, senza l'espressa autorizzazione scritta dall'autore, è vietata.

Connect
ISCRIVITI

iscriviti